Trovata morta in casa dai figli, il marito: «Sono stato io» e tenta il suicidio

Trovata morta in casa dai figli, il marito: «Sono stato io» e tenta il suicidio
1 Minuto di Lettura
Venerdì 20 Aprile 2018, 10:08 - Ultimo aggiornamento: 21 Aprile, 17:11

BRESSANONE - Il cadavere di una donna di 57 anni, Monika Gruber,  è stato scoperto questa notte in un appartamento del centro di Bressanone. Non si esclude l'omicidio. Sul posto sono intervenute diverse pattuglie dei carabinieri e le squadre per le investigazioni scientifiche. La salma, che presenta ferite da arma da taglio, è stata rinvenuta in un appartamento in via Alta Angelo Custode, a pochi passi dal centro storico.

«Sono io l'assassino di mia moglie». È quanto ha scritto in tedesco su un foglietto, trovato nella sua giacca, il marito della donna. L'uomo - si apprende dagli investigatori - è stato trovato la scorsa notte nei pressi della stazione in stato confusionale. Presentava varie ferite sul corpo e non si esclude che avesse in mente di togliersi la vita gettandosi sotto un treno. Davanti agli inquirenti, l'uomo si è comunque avvalso della facoltà di non rispondere e il gip ha convalidato l'arresto. L'omicidio è avvenuto alcuni giorni fa. Ieri sera i due figli si sono recati nell'appartamento dei genitori e hanno trovato il cadavere sul letto matrimoniale con diverse coltellate in prossimità della gola. I figli - si è appreso avrebbero poi chiamato il padre che avrebbe risposto «sto cercando di raggiungere vostra madre».

La donna uccisa nel suo appartamento a Bressanone è Monika Gruber, di 57 anni. Nel carcere di Bolzano si trova attualmente suo marito Robert Kerer, di 58 anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA