Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, negli ospedali sotto le bombe è emergenza. L'Oms: «Mancano acqua, sangue e ossigeno»

L'allarme arriva direttamente dall'Oms proprio mentre gli attacchi agli ospedali e agli operatori sanitari aumenta ogni ora

Il dramma degli ospedali ucraini: sotto le bombe senza acqua, sangue e ossigeno
Il dramma degli ospedali ucraini: sotto le bombe senza acqua, sangue e ossigeno
3 Minuti di Lettura
Martedì 8 Marzo 2022, 19:26

Negli ospedali dell'Ucraina è sempre più difficile trovare ossigeno e sangue. L'allarme arriva direttamente dall'Oms proprio mentre gli attacchi agli ospedali e agli operatori sanitari aumenta ogni ora. Ultimo quello di Izyum, nella regione di Kharkiv. Secondo l'agenzia sanitaria delle Nazioni Unite, da quando la Russia ha invaso l'Ucraina lo scorso 24 febbraio sono stati almeno 16 gli attacchi ad ospedali e strutture, con almeno 9 persone uccise. «Non dovrebbe essere necessario dire che gli operatori sanitari, gli ospedali e altre strutture mediche non devono mai essere un bersaglio in nessun momento, nemmeno durante crisi e conflitti», ha detto il dottor Hans Kluge, capo dell'Oms Europa. 

Kiev, i tank russi tra i palazzi. La sfida del sindaco Klitschko: «Lotta fino alla morte, non saremo vostri schiavi»

L'emergenza

L'emergenza è specialmente per tutte quelle strutture sanitarie che sono rimaste senza elettricità e senza acqua. «Le strutture sanitarie hanno bisogno di forniture, hanno bisogno di energia, hanno bisogno di acqua - ha spiegato Tarik Jasarevic, portavoce dell'Oms sul campo in Ucraina -. Sotto pressione ci sono in particolare le zone nell'est del Paese, dove i combattimenti sono intensi, anche nelle città sotto assedio, come Mariupol. Ho appena parlato con un medico che è in contatto con i suoi colleghi nelle zone più colpite dell'est e mi diceva che le persone non possono accedere ai centri sanitari e agli ospedali per motivi di sicurezza e per i danni alle strutture. E non è solo il caso di pazienti ma anche per gli operatori sanitari che stanno rischiando la vita per raggiungere il proprio posto di lavoro».

L'ossigeno e i morti di Covid

L'Oms ha anche lanciato l'allarme della mancanza di forniture mediche essenziali in Ucraina tra cui l'insulina, il sangue e diversi strumenti chirurgici. «I decessi aumenteranno man mano che la carenza di ossigeno continua». Questo perché l'Ucraina aveva un basso tasso di vaccinazione prima dell'invasione: circa il 35% della popolazione aveva ricevuto due dosi di vaccino. E va da sé che senza ossigeno, anche il numero dei morti di Covid sia in aumento (731 nell'ultima sttimana). 

© RIPRODUZIONE RISERVATA