Ucraina, la Squadra Zorro dell'esercito russo: una «Z» bianca per distinguersi dai nemici

La valutazione dal fronte è quella di un segnale per evitare il fuoco amico

Cosa c'è dietro alla «Z» su carri armati e convogli russi che si muovono verso il Donbass
Cosa c'è dietro alla «Z» su carri armati e convogli russi che si muovono verso il Donbass
4 Minuti di Lettura
Domenica 20 Febbraio 2022, 17:34 - Ultimo aggiornamento: 22 Febbraio, 10:12

Per molti è già diventata «la squadra Zorro». Sono circa 200 tra carri militari e convogli che dalla Russia si sono mossi nelle ultime ore verso il Donbass con una «Z» disegnata su un fianco. Sono stati immortalati e postati sui social diventando virali in poche ore. I più attenti hanno notato il particolare della lettera dipinta sui mezzi, come a far riconoscere gli amici dai nemici. Un segnale, hanno spiegato gli analisti dell'Est Europa, di una possibile imminente invasione.

I carri militari hanno sfilato per le strade di Shebekino, a 28 chilometri a sud-est di Belgorod, ma in poche ore li ha visti tutto il mondo: su Twitter e TikTok basta fare un rapido giro tra gli hashtag per guardarne le impressionanti immagini. Equipaggiamenti militari con una «Z» marchiata in alfabeto romano e non cirillico e circondata da un enorme quadrato bianco. Diversi gruppi di investigazione hanno spiegato di non aver mai visto dei segni simili nonostante il monitoraggio continuo dei simboli militari. Secondo l'analista Rob Lee, che su Twitter è diventato in poche settimane un punto di riferimento per la divulgazione della crisi ucraina, la «Z» potrebbe riferirsi a diversi contingenti assegnati all'invasione: «Sembra che le forze russe vicino al confine stiano dipingendo dei marcatori, in questo caso una lettera, per identificare diversi livelli e task force», ha spiegato questo fine settimana. In realtà l'ipotesi che circola maggiormente è quella di un modo per poter evitare il fuoco amico.

Ucraina, fucili finti e niente bossoli per la milizia popolare di Kiev: «Ci addestriamo al peggio»

L'esempio degli alleati

Una sorta di strategia ereditata dalla seconda guerra mondiale: nel 1944 gli alleati dipinsero sugli aerei militari le cosiddette «invasion stripes», ossia strisce con bande alternate (tre bianche e due nere) utilizzate nello sbarco in Normandia. Lo scopo era quello di rendere più facile la distinzione a vista degli propri aerei da quelli dei nemici, sia per le forze di mare che di aria, nelle fasi non di trincea ma in quelle più concitate della guerra.

 

Mezzi dell'era sovietica

Quello stratagemma potrebbe essere tornato di moda proprio perché la maggior parte dei mezzi militari ucraini risale all'epoca sovietica e per questo ancora oggi è facilmente confondibile con quelli russi. Le teorie più legate alla fantasia social, invece, hanno spiegato la «Z» collegandola al nemico numero uno della Russia, il presidente ucraino Zelensky. È stato il canale Telegram russo Hunter's Notes, che monitora da vicino i movimenti dei mezzi militari, ad aver segnalato e poi diffuso le immagini dei carri armati contrassegnati.

«La nostra valutazione - spiegano organi di stampa nell'Est Europa - è che si tratta di contrassegni di identificazione amico-nemico utilizzati dagli eserciti durante la guerra. Questo suggerirebbe che i preparativi sono stati completati. Gli ucraini hanno carri armati e veicoli molto simili e i russi vorranno ridurre il rischio di fuoco amico».

© RIPRODUZIONE RISERVATA