Guerra, la Russia attacca l'Ucraina da nord? «Schierati al confine in Bielorussia lanciamissili e jet da combattimento»

A riferirlo è lo stato maggiore dell'Ucraina, che avverte dell'imminente minaccia che potrebbe interessare Kiev

Guerra, la Russia attacca l' Ucraina da Nord? «Schierati al confine in Bielorussia lanciamissili e jet da combattimento»
Guerra, la Russia attacca l'​Ucraina da Nord? «Schierati al confine in Bielorussia lanciamissili e jet da combattimento»
4 Minuti di Lettura
Lunedì 6 Giugno 2022, 21:23 - Ultimo aggiornamento: 8 Giugno, 08:59

La Russia sta schierando missili balistici Iskander, sistemi missilistici terra-aria S-400 e aerei da combattimento in Bielorussia, vicino al confine con l'UcrainaA riferirlo è lo stato maggiore di Kiev, che avverte dell'imminente minaccia che potrebbe arrivare da Nord, interessando anche la capitale Kiev. L'aumento delle tensioni con l'Occidente, che ha inviato nuovi lanciarazzi a lungo raggio all'Ucraina, avrebbe portato alla risposte di Putin, che adesso potrebbe decidere di coinvolgere anche la Bielorussia nella guerra.

Finora Minsk è rimasta a guardare, sorprendo gli analisti che si aspettavano un intervento nel momento cruciale della guerra. Al momento i combattimenti si stanno svolgendo esclusivamente a Est, ma la Russia potrebbe (con l'aiuto dell'alleato) riprendere l'offensiva anche nel Nord dell'Ucraina. 

Kadyrov, soldati ceceni fanno sesso di gruppo (e vengono filmati): uccisi dopo il suo ordine

Ucraina, il racconto di un medico inglese volontario: «A Bucha ho visto i cadaveri appesi agli alberi»

Escalation di tensioni 

Mentre continuano i combattimenti a Severodonetsk, il ministro degli Esteri Lavrov è tornato alle minacce, in risposta all'annuncio della Gran Bretagna sull'invio dei lanciarazzi in Ucraina. «Il presidente Vladimir Putin ha già commentato la situazione che emergerà con l'arrivo di nuovi armamenti, io posso solo aggiungere che più lunga sarà la gittata degli armamenti che fornirete, più noi sposteremo avanti dal nostro territorio la linea oltre la quale la presenza dei neonazisti verrà considerata una minaccia per la Federazione Russa», ha detto. 

La Russia potrebbe colpire infrastrutture ucraine e istituzioni del governo di Kiev se all'Ucraina venissero consegnati lanciarazzi multipli a lungo raggio, è invece l'avvertimento lanciato dal capo della commissione difesa della Duma.

 

Le armi inviate dalla Gb

Questi sistemi di lanciarazzi multipli, gli M270 Mlrs, «aumenteranno significativamente le capacità delle forze ucraine», ha affermato il dicastero in un comunicato. Tale decisione è stata presa in «stretto coordinamento» con gli Stati Uniti, che hanno annunciato la scorsa settimana la fornitura di sistemi Himars con una portata di 80 chilometri. Da tempo gli ucraini richiedevano più lanciarazzi che consentissero loro di colpire in profondità le posizioni russe posizionando le batterie più lontano dal fronte.

Preoccupato che gli Stati Uniti possano essere considerati un cobelligerante, il presidente americano Joe Biden ha escluso tuttavia la fornitura di sistemi di lancio di missili a lungo raggio all'Ucraina che potrebbero raggiungere la Russia. Il presidente russo Vladimir Putin ha avvertito ieri che Mosca colpirà nuovi obiettivi se l'Occidente fornirà missili a lungo raggio, affermando che le attuali consegne di armi a Kiev mirano a «prolungare il conflitto».

«Se la comunità internazionale mantiene il suo sostegno, l'Ucraina può vincere», ha affermato il ministro della Difesa britannico Ben Wallace. «La strategia della Russia sta cambiando e anche il nostro sostegno deve cambiare», ha aggiunto Wallace sottolineando che queste nuove armi permetteranno agli ucraini «di proteggersi meglio dall'uso brutale dell'artiglieria a lungo raggio che le forze di Putin hanno utilizzato indiscriminatamente per radere al suolo le città». Finora il supporto militare del Regno Unito all'Ucraina ammonta a oltre 750 milioni di sterline (874 milioni di euro).

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA