Lo squadrone della morte di Putin: ecco gli 8 «mostri di Motyzhyn» colpevoli di 14 crimini di guerra

Secondo il procuratore generale ucraino Iryna Venediktova avrebbe ucciso un uomo, costringendo la madre a guardare

Lo squadrone della morte di Putin: ecco i «mostri di Motyzhyn», gli otto soldati russi che terrorizzano l'Ucraina
Lo squadrone della morte di Putin: ecco i «mostri di Motyzhyn», gli otto soldati russi che terrorizzano l'Ucraina
3 Minuti di Lettura
Giovedì 26 Maggio 2022, 20:48 - Ultimo aggiornamento: 27 Maggio, 11:51

Orrore senza fine. Dall'Ucraina continuano ad arrivare testimonianze choc. Otto soldati russi (di cui tre appartenenti ai mercenari del gruppo Wagner) sono stati identificati dal servizio di sicurezza dell'Ucraina e soprannominati i "mostri di Motyzhyn". Sono accusati di aver torturato e ucciso civili mentre occupavano la città di Motyzhyn, situata a ovest di Kiev. Hanno sparato senza guardare in faccia nessuno. Chi non ha collaborato, è andato incontro al terribile destino. 

Donbass, i russi sfondano: l'arma della cittadinanza per spingere l'annessione

Putin «è sopravvissuto a tentativo di omicidio due mesi fa»: le rivelazioni del capo 007 ucraini Kyrylo Budanov

Cosa hanno fatto

Tra i tanti crimini di guerra di cui vengono accusati, ce n'è uno che fa più orrore degli altri. Il sindaco di Motyzhyn, Oleg Sukhenko, suo marito Igor e suo figlio Alexander sarebbero stati rapiti il ​​23 marzo scorso. I loro corpi sono stati trovati in una fossa poco profonda dietro una casa che i russi avevano usato come caserma. In un post su Facebook, il procuratore generale ucraino Iryna Venediktova ha descritto cosa è successo loro: «Hanno costretto la madre a guardare mentre sparavano suo figlio a una gamba. Poi lo hanno ucciso, con un colpo alla testa. L'intera famiglia è morta per molteplici ferite da arma da fuoco».

 

Ma il racconto degli orrori continua: «Una delle loro vittime è stata uccisa perché vestita di nero. Suo padre è stato preso in ostaggio e tenuto in un fienile ammanettato e bendato praticamente senza cibo né acqua.“Due volontari che stavano cercando di trasportare aiuti umanitari alla gente del posto nella Motizhyn occupata, dopo essere stati interrogati e torturati, sono stati portati nella foresta e fucilati». Il procuratore generale ha anche raccontato che i soldati russi hanno appiccato il fuoco a più edifici della città.

© RIPRODUZIONE RISERVATA