New York, suicida il top manager Gustavo Arnal: si è lanciato dal 18esimo piano di un grattacielo

Il 52enne vicepresidente esecutivo e capo finanziario della catena di arredamento Bed Bath & Beyond si è lanciato dal «Jenga Building» di Tribeca,

New York, suicida il top manager Gustavo Arnal: si è lanciato dal 18esimo piano di un grattacielo
3 Minuti di Lettura
Lunedì 5 Settembre 2022, 09:51 - Ultimo aggiornamento: 20:58

Un volo dal 18esimo piano di uno dei grattacieli più iconici al mondo: così si è suicidato il top manager della società americana Bed Bath & Beyond. La tragedia è avvenuta venerdì a New York: Gustavo Arnal, 52enne vicepresidente esecutivo e capo finanziario della nota catena di arredamento domestico, si è lanciato dal «Jenga Building» di Tribeca, nel cuore di Nyc.

A dare conferma dell'identità dell'uomo è stato il New York Post, che non specifica il motivo del gesto ma sottolinea come la società di cui Arnal era a capo stesse attraversando un momento di forti difficoltà finanziarie. 


Bath & Beyond è "profondamente addolorata per questa perdita scioccante", ha detto un portavoce della compagnia in risposta alla morte di Arnal. In una dichiarazione domenica, la presidente indipendente del consiglio di amministrazione di Bed Bath & Beyond, Harriet Edelman, ha dichiarato: "Desidero porgere le nostre più sincere condoglianze alla famiglia di Gustavo". Edelman ha aggiunto: “Il nostro obiettivo è supportare la sua famiglia e la sua squadra e i nostri pensieri sono con loro in questo momento triste e difficile. Unisciti a noi nel rispetto della privacy della famiglia”. 

La carriera

Arnal è entrato a far parte di Bed Bath & Beyond Inc. nel maggio 2020 dopo una carriera nel settore finanziario presso Avon, Walgreens Boots Alliance e Procter & Gamble. Edelman ha affermato che Arnal è stato "strumentale nel guidare l'organizzazione durante la pandemia di coronavirus, trasformando le basi finanziarie dell'azienda e costruendo un team forte e di talento. Era anche uno stimato collega della comunità finanziaria”. La CNN ha riferito questa settimana che Bed Bath & Beyond è in profonda agitazione. L'azienda sta cercando di salvarsi e rimanere fuori dal fallimento riducendosi.

La crisi della società

La catena ha dichiarato mercoledì che licenzierà circa il 20% dei dipendenti aziendali, chiuderà circa 150 negozi e taglierà molti dei suoi marchi di articoli per la casa interni. La società ha anche affermato di essersi assicurata più di $ 500 milioni di finanziamenti per sostenere le sue difficoltà finanziarie. Arnal è stato nominato imputato in un'azione legale collettiva accusato di gonfiare artificialmente il prezzo delle azioni della società. La causa è stata intentata il 23 agosto presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto di Columbia. La causa afferma che Arnal e altri hanno rilasciato dichiarazioni e omissioni fuorvianti  in merito ai piani strategici e alle condizioni finanziarie di BBBY e hanno ritardato le divulgazioni sulla detenzione e la vendita delle proprie azioni. La causa sostiene anche che le parti interessate hanno condiviso numeri di entrate falsi e piani aziendali per lo scorporo del suo marchio "Buy Buy Baby" per alimentare una frenesia di acquisto di azioni.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA