Chi è Macron? Il presidente francese in corsa per tornare all'Eliseo: carriera politica e vita privata

Domenica 10 aprile i francesi saranno chiamati al voto per eleggere il nuovo presidente

Chi è Macron? Il presidente francese in corsa per tornare all'Eliseo: carriera politica e vita privata
Chi è Macron? Il presidente francese in corsa per tornare all'Eliseo: carriera politica e vita privata
3 Minuti di Lettura
Sabato 9 Aprile 2022, 11:17 - Ultimo aggiornamento: 10 Aprile, 14:22

Chi è Emmanuel Macron? Cinque anni dopo la vittoria schiacciante che gli ha consegnato le chiavi dell'Eliseo, il presidente francese uscente corre di nuovo alle elezioni contro Marine Le Pen. Entrato in politica nel 2014 come ministro dell'Economia di Hollande, è diventato uno dei leader più riconosciuti e carismatici al mondo. Protagonista in Europa, sta giocando una partita importante anche al tavolo della guerra d'Ucraina, ponendosi come primo interlocutore di Putin in rappresentanza dei Paesi occidentali. Adesso però, dovrà giocarsi la riconferma e i sondaggi raccontano che l'esito finale è tutt'altro che scontato. 

Marine Le Pen supera Macron in un sondaggio per l'Eliseo e lo attacca: «È sempre più nervoso»

Il partito, la vita politica e quella privata

Macron è nato ad Amiens il 21 dicembre 1977. Figlio di due medici, un neurologo e una pediatra, si appassiona subito alla politica ma coltiva la passione per la musica e il piano. Si laurea all'Ena e trova lavoro come banchiere da Rothschild. Nel 2007 sposa la sua attuale moglie, Brigitte Trogneux, conosciuta quando frequentava il liceo. Ma non era una compagna, bensì la sua professoressa, di vent'anni più grande.

 

Nel 2006 entra a far parte del partito socialista francese ed entra nel giro giusto quando Hollande lo nomina consigliere. Nel 2014 diventa ministro dell'Economia e firma nel 2017 la riforma del lavoro, che toglie potere ai sindacati. Con il suo partito "En Marche!" conquista il 66% alle elezioni. Nei cinque anni al governo deve affrontare la durissima protesta dei Gilet gialli e la crisi dovuta al Covid. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA