GUERRA

Guerra Ucraina, Kiev: «Ripresi 20 km quadrati a Bakhmut». Capo degli 007 ucraini: «Uccisi esponenti dei media russi»

Gli aggiornamenti in tempo reale sul conflitto in Europa

Guerra Ucraina, esplosioni nella notte a Kiev e allarme antiaereo in tutto il Paese. Oggi la visita dell'inviato cinese Li
Guerra Ucraina, esplosioni nella notte a Kiev e allarme antiaereo in tutto il Paese. Oggi la visita dell'inviato cinese Li

Meloni a Zelensky: "Il mondo libero è grato all'Ucraina"

«A Zelensky voglio dire che l'intera Europa e tutto il mondo libero sono loro debitori. Il presidente Zelensky ci ha ringraziato per come stiamo aiutando l'Ucraina. Ma siamo noi debitori all'Ucraina: ha fatto capire al mondo intero quanto possa essere difficile piegare un popolo libero». Lo ha detto la premier Giorgia Meloni al summit dei capi di Stato e di governo del Consiglio d'Europa a Reykjavik.

Kiev: "Ripresi 20 km quadrati dalle forze russe a nord e a sud di Bakhmut"

Le forze ucraine hanno ripreso 20 chilometri quadrati dalle forze russe a nord e a sud di Bakhmut, mentre le truppe di Mosca hanno continuato ad avanzare nella città stessa. Lo ha riferito la viceministra della Difesa ucraina Hanna Malyar su Telegram. «In pochi giorni, le nostre truppe hanno liberato dal nemico circa 20 chilometri quadrati a nord e a sud della periferia di Bakhmut. Allo stesso tempo, il nemico sta avanzando un pò nella stessa Bakhmut, distruggendo completamente la città con l'artiglieria», ha affermato. «Le battaglie pesanti continuano con risultati diversi».

Macron: "Forniremo a Kiev missili con una portata più efficace"

La Francia fornirà missili con una portata che «consentirà all'Ucraina di resistere». Lo ha detto in un'intervista con il canale televisivo francese TF1 il presidente Emmanuel Macron, senza specificare il tipo di missili, ma sottolineando che la Francia sta fornendo all'Ucraina armi per difendersi dalla Russia, non per attaccarla. «Non stiamo conducendo una guerra con la Russia, stiamo aiutando l'Ucraina a resistere all'aggressore russo. Ciò significa che non stiamo fornendo armi che possono raggiungere il suolo russo o attaccare la Russia», ha detto Macron. Il presidente Volodymyr Zelensky ha incontrato Macron a Parigi il 14 maggio durante il suo tour europeo che comprendeva anche viaggi in Germania, Regno Unito e Italia. «Il legame dell'Ucraina con l'Europa sta solo diventando più forte, mentre la pressione sulla Russia sta aumentando», aveva detto Zelensky prima dell'incontro con Macron.

Prigozhin dei Wagner: "In guerra è un guaio se i comandanti sono impotenti"

«Il gruppo Wagner sta avanzando a Bakhmut e sta prendendo il controllo del territorio: meglio essere rabbiosi che impotente». Pertanto, la cosa peggiore in guerra è quando i capi militari sono gravemente impotenti. Chi è rabbioso è solo il benvenuto». Ha scritto il capo della milizia privata Wagner Yevgeny Prigozhin su Telegram rispondendo alla domanda se sia vero che i suoi mercenari stiano combattendo rabbiosamente a Bakhmut. Prigozhin inoltre in un video pubblicato oggi su Telegram ha affermato che un cittadino statunitense è morto combattendo nella città ucraina di Bakhmut, le immagini lo mostrano mentre prende i documenti della vittima e dichiara che si tratta di un cittadino americano. Riporta la Cnn sottolineando che non ha potuto verificare se il soldato morto fosse un cittadino americano.

«Lo consegneremo agli Stati Uniti d'America, lo metteremo in una bara, lo copriremo con la bandiera americana con rispetto perché non è morto nel suo letto da nonno ma è morto in guerra e molto probabilmente una degna morte», ha detto Prigozhin.

 

 

Bombardamento russo: a Kharkiv e Donetsk sono morte 6 persone

Sei persone sono rimaste uccise tra Kharkiv e Donetsk nelle ultime 24 ore. Lo hanno reso i governatori delle due regioni, secondo cui un uomo e una donna sono morti nel bombardamento del villaggio di Dvorichna, a Kharkiv, mentre un altro uomo è rimasto ferito. Altre quattro persone sono rimaste uccise negli attacchi russi ad Avdiivka, nel Donetsk. Tre persone sono state invece ferite a Chasiv Yar, a circa 15 chilometri a sud di Bakhmut.

 

Forze Kiev: "Wagner in trappola come topi a Bakhmut"

«I combattenti Wagner sono entrati a Bakhmut come topi in una trappola. Sulla base del principio di difesa attiva, facciamo ricorso a operazioni di controffensiva in alcune direzioni nei pressi di Bakhmut». Si è espresso così su Telegram il colonnello generale Oleksandr Syrskyi, comandante delle forze di terra delle Forze Armate ucraine, secondo quanto riporta Ukrinform. «Il nemico ha più risorse, ma stiamo distruggendo i suoi piani», ha ripetuto Syrskyi, riferendo di aver incontrato comandanti e soldati in prima linea.

 

 

 

Kiev: "Possiamo diventare la Banca d'Europa per l'energia"

L'Ucraina è pronta a offrire all'Europa il suo gas, le sue strutture di stoccaggio sotterraneo e le capacità di produzione e trasporto di biogas e idrogeno verde: lo ha affermato su Facebook l'amministratore delegato della società statale di petrolio e gas Naftogaz, Oleksiy Chernyshov.

«L'Ucraina può diventare una 'banca dell'energià dell'Europa, uno degli elementi chiave della sua sicurezza energetica - ha scritto Chernyshov, come riporta Ukrinform -. Abbiamo molto da offrire: gas dai nostri giacimenti, depositi sotterranei per lo stoccaggio delle riserve strategiche dei Paesi europei, strutture per la produzione e il trasporto di biogas e idrogeno verde».

Secondo Chernyshov, la Russia pensava che senza i suoi vettori energetici il continente si sarebbe indebolito, ma la «banca dell'energia» ucraina lo renderà ancora più forte. Come riportato in precedenza, la Naftogaz prevede di rafforzare la cooperazione con i partner europei per lo stoccaggio del gas in depositi sotterranei e la produzione di gas.

 

Ucraina, attacchi aerei in aumento: solo a maggio se ne contano 8

Il comandante delle forze congiunte delle forze armate dell'Ucraina, il tenente generale Sergei Naev, ha dichiarato che questa notte c'è stato l'ottavo attacco aereo su Kiev dall'inizio di maggio. «Questa notte è stato l'ottavo attacco aereo su Kiev dall'inizio di maggio. Il nemico ha lanciato un attacco da diverse direzioni, utilizzando tutte le risorse a sua disposizione, dai droni ai missili cruise» afferma come riporta Ukrainska Pravda.

 

 

 

Bombe russe sulla regione di Kherson: 6 feriti (tra cui un bambino)

Sei civili, tra cui un bambino, sono rimasti feriti in seguito ai bombardamenti russi di ieri nella regione di Kherson, nell' Ucraina meridionale, che è stata attaccata 80 volte: lo ha reso noto su Telegram il capo dell'amministrazione militare regionale, Oleksandr Prokudin, come riporta Ukrinform. «Nell'ultima giornata il nemico ha lanciato 80 attacchi, sparando 407 proiettili da artiglieria pesante, carri armati, droni e aerei.

Il nemico ha bombardato la città di Kherson 14 volte» con 60 proiettili, ha scritto Prokudin sottolineando che sono stati presi di mira quartieri residenziali nella regione e un istituto scolastico nell'omonima città.

Kiev: "Ricorriamo ad azioni controffensive a Bakhmut"

«Usando il principio della difesa attiva, ricorriamo ad azioni controffensive in alcune direzioni vicino a Bakhmut». Lo ha dichiarato il comandante delle forze di terra delle forze armate ucraine Oleksandr Syrsky, che ha visitato i comandanti e i soldati al fronte di Bakhmut. «I Wagneriti (mercenari Wagner) sono entrati a Bakhmut come topi in una trappola», ha detto Syrsky, sottolineando che «il nemico ha più risorse ma distruggiamo i suoi piani».

Kiev: "Ci serve un totale di 40-50 caccia F-16"

L' Ucraina chiede all'Occidente un totale di 40-50 caccia F-16 per formare tre o quattro squadroni a difesa dei suoi cieli dagli attacchi russi: lo ha detto Yuriy Sak, consigliere del ministro della Difesa ucraino Oleksii Reznikov, come riporta Politico.

 

 

Kiev, ha sottolineato Sak, sta dicendo ai leader occidentali che la necessità di jet moderni è diventata più acuta da quando - a marzo - l'aeronautica russa ha iniziato a utilizzare in modo diffuso le bombe plananti, che raggiungono obiettivi a distanze maggiori. L' Ucraina attualmente non ha «nulla per fermare» gli aerei russi che le trasportano, ha spiegato Sak.

Aeronautica ucraina: "Kiev resta una priorità per i russi"

Il portavoce dell'Aeronautica ucraina Yuri Ignat ha riferito che tutti e sei i missili balistici Kinzhal abbattuti questa notte stavano volando verso la capitale Kiev. Lo riportano il sito Zn.ua e Ukrinform. 

«Il lavoro ha un enorme successo. Sei Kinzhal è un indicatore impressionante. Kiev rimane l'epicentro, la capitale è sempre stata una priorità per i russi, quindi è protetta con mezzi seri. Qui ci sono strutture infrastrutturali e altre importanti strutture statali», ha dichiarato Ignat.

Kiev: abbattuti sei missili ipersonici russi

L'Ucraina nel massiccio attacco della scorsa notte è riuscita ad abbattaere anche sei missili ipersonici russi. Lo afferma il comandante in capo delle forze armate dell'Ucraina Valeriy Zaluzhny su Telegram, come riporta Ukrainska Pravda. Oltre ai 6 missili aeroballistici Kh-47M2 Kinzhal, i russi hanno lanciato anche nove missili da crociera Caliber da navi nel Mar Nero e tre missili terrestri (S-400, Iskander-M). Tutti i 18 missili sono stati distrutti dalle forze e dai mezzi di difesa aerea dell'Aeronautica Militare delle Forze Armate dell'Ucraina.

Kiev: nella notte 18 missili russi sul Paese, tutti intercettati

I russi hanno lanciato nella notte 18 missili contro l'Ucraina, che sono stati tutti abbattuti dalle forze del Paese: lo ha reso noto su Telegram il capo delle Forze armate ucraine, Valeriy Zaluzhny, come riportano i media nazionali. Un totale di 18 «missili aerei, marittimi e terrestri di vario tipo» sono stati lanciati contro il Paese, ha scritto Zaluzhny: «Tutti i 18 missili sono stati distrutti dalle forze e dai mezzi di difesa aerea dell'Aeronautica delle Forze Armate dell'Ucraina», ha aggiunto.

Kiev, attacco aereo "di intensità eccezionale" sulla Capitale

La Russia ha lanciato su Kiev nella notte un attacco aereo di «intensità eccezionale»: lo ha reso noto l'amministrazione militare della capitale ucraina, come riporta il Kyiv Independent. Si è trattato del «massimo numero di attacchi missilistici nel più breve lasso di tempo» possibile, ha spiegato l'amministrazione sul suo canale Telegram, aggiungendo che le forze russe hanno probabilmente utilizzato droni, oltre a missili balistici e da crociera.

Secondo le informazioni preliminari, la difesa aerea ucraina ha distrutto la maggior parte dei droni e dei missili russi, i cui detriti sono caduti nei distretti di Shevchenkivskyi, Sviatoshynskyi, Solomianskyi, Obolonskyi e Darnytskyi. I danni maggiori sono stati segnalati nel distretto di Solomianskyi, dove è scoppiato un incendio in un edificio non residenziale. I detriti dei droni e dei missili sono caduti sulle auto parcheggiate, nei cortili e nei parchi degli altri distretti. Al momento non si segnalano vittime.

La Cia lancia un appello per reclutare spie russe

La Cia ha lanciato un video di due minuti per reclutare spie tra i russi e convincere quanti sono delusi dalla guerra in Ucraina e dalla vita in quel Paese a condividere i loro segreti. La clip è stata postata all'inizio sul nuovo canale dell'agenzia di spionaggio Usa su Telegram, il social che in Russia costituisce una fonte altamente popolare di notizie non filtrate. Ma poi è stata messa online anche su altre piattaforme come YouTube, Twitter, Instagram e Facebook.

La Cia è convinta che i russi stiano vivendo un momento caratterizzato dal dubbio, dalla mancanza di uno scopo, dall'oppressione. Il video fa appello al loro senso di patriottismo e gioca sulla cultura russa, citando frasi di Tolstoy e Dostoyevsky. «Vivremo con dignità, grazie alle mie azioni», dice il narratore in russo mentre una donna nella sua auto usa il telefono per contattare la Cia, prima che appaiano il logo dell'agenzia e le istruzioni per un contatto sicuro. La clip mostra diversi russi che raccontano le loro vite, che sembrano riflettere su decisioni importanti. Il tema della famiglia è presente ovunque. Il target di riferimento è chiaro: una donna che lavora su quello che sembra essere un computer governativo, un uomo che entra in un edificio governativo e mostra la sua carta d'identità prima di sedersi a una scrivania piena di documenti. Insomma, persone inserite nella macchina del potere, dell'amministrazione.

Nessun riferimento a Vladimir Putin o alla guerra, in parte perché superfluo ma anche perché si insiste su temi «senza tempo» che hanno convinto anche in passato i russi scontenti a contattare l'agenzia di Langley.

Esplosioni a Kiev, allerta in tutte le Regioni

Almeno dieci forti esplosioni sono state udite a Kiev durante la notte. Lo riportano i media locali, aggiungendo che deflagrazioni sono avvenute anche in altre parti della regione della capitale ucraina e in quella di Cherkasy. Il capo dell'ufficio presidenziale Andrii Yermak ha affermato che la difesa aerea è al lavoro. L'allarme antiaereo è attivo in tutti gli oblast dell'Ucraina, a causa della minaccia di attacchi missilistici russi.

Il sindaco di Kiev, Vitalii Klitschko, ha riferito che i detriti di un missile sono caduti sulla zona dello zoo nel distretto Shevchenkivskyi. E anche su quello di Solomianskyi, dove un edificio è stato danneggiato e diverse auto hanno preso fuoco con un bilancio di tre persone rimaste ferite. Il capo dell'amministrazione militare della capitale ucraina, Serhii Popko, ha affermato che detriti di missili sono caduti anche nei distretti di Obolonskyi e Darnytskyi senza causare vittime o danni particolari.

Esplosioni nella notte a Kiev e allarme antiaereo in tutta l'Ucraina. Tre feriti nella capitale. Visita a sorpresa di Zelensky ieri a Londra, con Sunak che conferma la fornitura di centinaia di missili di difesa aerea e droni a lungo raggio. Oggi visita a Kiev dell'inviato cinese Li. Vertice del Consiglio d'Europa a Reykjavik, con la Meloni. Prigozhin nega d'aver fornito all'Ucraina le coordinate per bombardare le truppe russe.

© RIPRODUZIONE RISERVATA