Russi catturano due volontari americani a Kharkiv: rischio escalation tra Stati Uniti e Mosca

Alexander Drueke, 39 anni, e Andy Huynh, 27 anni, sono stati fatti prigionieri durante una feroce battaglia fuori dalla città nord-orientale di Kharkiv

Russi catturano due americani a Kharkiv: l'incidente che rischia di provocare l'escalation tra Mosca e Washington
​Russi catturano due americani a Kharkiv: l'incidente che rischia di provocare l'escalation tra Mosca e Washington
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 15 Giugno 2022, 18:06 - Ultimo aggiornamento: 16 Giugno, 07:23

Due volontari americani sono stati catturati in Ucraina dalle forze russe vicino Kharkiv. Lo riporta il Telegraph, sottolineando che Robert Druerke e Andy Huynh - veterani dell'esercito americano e provenienti dall'Alabama - sono stati fatti prigionieri la scorsa settimana. Druerke e Huynh erano partiti alla volta dell'Ucraina come volontari per aiutare le forze di Kiev.

Chi sono i due americani catturati

Alexander Drueke, 39 anni, e Andy Huynh, 27 anni, sono stati fatti prigionieri durante una feroce battaglia fuori dalla città nord-orientale di Kharkiv la scorsa settimana mentre prestavano servizio come volontari in un'unità regolare dell'esercito ucraino. Si ritiene che siano i primi militari statunitensi a finire come prigionieri di guerra russi. I due si uniscono a un numero crescente di volontari militari occidentali catturati dalle forze russe, inclusi almeno due britannici. Aiden Aslin e Shaun Pinner sono stati accusati di essere dei "mercenari" e condannati alla pena di morte dai separatisti filorussi di Donetsk. 

Drueke è di Tuscaloosa in Alabama e aveva precedentemente prestato servizio con l'esercito americano in Iraq. Sua madre, Lois, 68 anni, ha detto al Telegraph che aveva lottato per mantenere un lavoro da quando era tornato dal servizio militare a causa di un disturbo da stress post-traumatico. «L'ambasciata degli Stati Uniti mi ha assicurato che stanno facendo tutto il possibile per trovarlo e che lo stanno cercando vivo, non morto. Sto facendo del mio meglio per non cadere a pezzi, rimarrò forte. Sono molto fiducioso che lo terranno in cambio di prigionieri di guerra russi», le sue parole.

Il rischio escalation

La cattura dei due americani si prevede che diventi diplomaticamente delicata in quanto il Cremlino potrebbe cercare di usarla come prova che gli Stati Uniti siano direttamente coinvolti nella guerra. È probabile che Vladimir Putin, il presidente russo, richieda concessioni significative per rilasciarli. Un compagno dei due uomini, che ha chiesto di non essere nominato, ha detto al Telegraph che Drueke e Huynh sono stati catturati dopo essersi imbattuti in una forza russa molto più grande durante una battaglia lo scorso giovedì. «Eravamo in missione e l'intera faccenda è impazzita, con cattive informazioni», ha detto. «Ci è stato detto che la città era libera quando si è scoperto che i russi la stavano già assaltando». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA