Il Giubileo di platino di Queen Elizabeth: lo stile inimitabile casual ma mai casuale dal foulard al barbour

Mercoledì 26 Gennaio 2022 di ANNA FRANCO
Il Giubileo di platino di Queen Elizabeth: lo stile inimitabile casual ma mai casuale dal foulard al barbour

Quando sei una regina e sei abituata a essere sotto osservazione fin dalla nascita, o quasi, sai bene che qualsiasi comportamento terrai e anche qualsiasi abito (o accessorio) indosserai non sarà solo un dettaglio. Elisabetta II, che festeggerà il prossimo 6 febbraio il Giubileo di platino,  ne è a conoscenza, ma, forse, anche chi non porta sul capo il peso della corona dovrebbe rifletterci su, tanto per avere in mente che si può uscire di casa casual, ma non casuali. O, almeno, sarebbe meglio, anche per la nostra autostima. Forte della sua convinzione e dell’etichetta, la regina del Regno Unito cura il suo look anche quando si rilassa nell’amata campagna, lontano da ogni impegno ufficiale. Sembra, anzi, che la sovrana sarebbe stata sempre ben più attratta da una vita stile country che da quella di Corte. Ma, si sa, alla ragion di Stato non si può sfuggire, nemmeno in sella a un cavallo purosangue. Elisabetta II ha un outfit ben collaudato per le sue incursioni campestri, come testimoniano le foto che l’hanno immortalata nel corso degli anni, semplicemente replicabile. L’unico consiglio spassionato è di metterci qualche tocco personale, anche per rinverdire un look che, per quanto riguarda la testa coronata, sembra sfruttare gli stessi capi di sempre, che appaiono, infatti, non nuovi, ma leggermente usurati.

A TEMA

Partendo dalla testa, niente diademi, ma il foulard, rigorosamente Hermès e preferibilmente con scene equestri o campestri per essere perfettamente a tema. Forse lo indossa affinché vento o umidità non scompiglino troppo l’acconciatura, con la seta che accarezza la messa in piega senza colpo ferire. Magari allacciandolo non sotto il mento, ma dietro la nuca o come una bandana, si potrebbe ottenere lo stesso effetto, ma un’immagine più glamour e più giovane, anche se in passerella si sono viste recentemente modelle che lo portavano proprio come la regina. Sul capospalla non si discute: deve essere caldo e soprattutto anti pioggia. La regina, a volte, li indossa a strati: un trench sopra un giaccone di quelli stile pesca o caccia.

Il “real” Barbour è quello che ci vuole, nelle sue sfumature più terrose e sottobosco, liscio o trapuntato, nel mood che ha trovato la sua consacrazione anche nelle sfilate di questo inverno. A proposito di acqua, la queen non si è mai fatta mettere in scacco dalla pioggia e ai piedi ha calzato stivali da pioggia (gli Hunter sono i preferiti dagli esponenti della Real Casa) al posto della classiche stringate con frangia e nappine, che, onestamente, consiglieremmo di lasciare in ogni caso nella scarpiera per un’avventura tra i prati.

Per ragioni di protocollo, Elisabetta II è sempre in gonna e con collant color carne. Che nessuno se ne abbia a male, ma per chi non è soggetto a una severa etichetta, un paio di pantaloni maschili possono essere più funzionali e appropriati, oltre che più validi esteticamente. Magari prediligendo proprio quelle stoffe dall’aspetto un po’ ruvido delle mise regali, come il tartan o, meglio ancora, il tweed. Un maglione caldo in colori neutri con una camicia completano il tutto. Quando nel 2006 uscì il film "The Queen" con Helen Mirren, a New York ci fu una crescita esagerata delle vendite proprio di kilt, lana cardata, cashmere e giacche cerate e non è un caso che la sovrana sia diventata una delle icone del movimento cottagecore, quel gusto per la moda che predilige la vita campestre e uno stile confortevole e country chic, così rassicurante in questi periodi complessi. Se manca qualcosa è solo la borsa. L’inseparabile accessorio non fa parte della vita di campagna della regina, che qui, probabilmente, non ha bisogno di nient’altro che di orizzonti verdi e sconfinati. Per tutti gli altri, compresi coloro che non hanno scorta o servitori, può andar bene una impercettibile tracolla cuoio per tenere con sé cellulare, chiavi e poco altro.

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 1 Febbraio, 13:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA