L'Italia in cucina. Roma, la ricetta di Attilio Fontana: «Lo spezzatino a modo mio»

L'Italia in cucina. Roma, la ricetta di Attilio Fontana: «Lo spezzatino a modo mio»
di Valentina Venturi
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 23 Febbraio 2022, 12:49 - Ultimo aggiornamento: 24 Febbraio, 09:08

Mentre il padre «era specializzato in un brasato pazzesco grazie alle origini emiliane», l’attore romano Attilio Fontana apprezza da sempre «i classici primi come carbonara, amatriciana anche se non è proprio romana, gricia e cacio e pepe. Quando non sono a dieta e posso scatenarmi, preferisco i ristoranti che conosco per mangiare bene e soprattutto con gusto».

Quando invece è a casa insieme alla compagna Clizia Fornasier e ai due figli, spetta a lui preparare un particolare spezzatino «che ho soprannominato “a modo mio”. Una ricetta semplice, la cui origine è la versione di mia madre, imbattibile. Io l’ho rivisitata, sperimentando un po’ e dandogli quel pizzico di contemporaneità, il tocco 2.0. La ricetta è per due o tre persone: si prende una cipolla e si taglia a pezzi non troppo piccoli, a gusto personale si aggiungono una carota e del sedano. Si preparano poi due zucchine da rosolare a lungo; nel frattempo si taglia un petto di pollo intero a dadini molto piccoli che si impanano con farina, del curry e un pizzico di curcuma ma non troppa, il giusto per dare sapore ma non da diventare la protagonista. Intanto le zucchine si sono trasformate in una crema. A fuoco alto faccio cuocere i dadini di pollo ormai marinati con il sale e giro spessissimo le zucchine in modo che diventino una mousse in cui ci si amalgamano i pezzi di pollo. Volendo esagerare con una versione esotica, si possono aggiungere un pezzetto di mela, un chicco o due di uva sultanina e una spolverata di pepe». Da ex cantante dei Ragazzi Italiani ad attore teatrale in Due coppie scoppiate con Kaspar Capparoni, Laura Lattuada e Clizia Fornasier, Fontana consiglia il tocco finale: «Berci un bianco profumoso». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA