Vaccini, domani nelle Marche si prenota la fascia 50-59 anni. Via libera anche per i 40-49enni: ecco da quando

Venerdì 14 Maggio 2021 di Maria Teresa Bianciardi
Vaccini, domani nelle Marche si prenota la fascia 50-59 anni. Via libera anche per i 40-49enni: ecco da quando

ANCONA - Si comincia con la fascia 50-59 anni senza patologie. Dopo uno slittamento di qualche giorno rispetto alle indicazioni del generale Figliuolo per la carenza di vaccini, la Regione ha deciso ieri di aprire questo slot da domani alle 12: prenotazioni al via, dunque, ma addirittura le prime dosi di vaccino verranno somministrate già da lunedì.

 

Questo range di età riguarda una popolazione di 235 marchigiani, pronti a sottoporsi alla profilassi anti Covid prima dell’inizio dell’estate e con l’opportunità di potere ottenere il green pass europeo con la somministrazione del richiamo prima che finisca la stagione delle vacanze. 


Il secondo step
Un’altra novità decisa sempre ieri nel corso di un confronto in Regione, riguarda la fascia di età che va dai 40-49 anni: per i marchigiani che rientrano in questo slot le prenotazioni possono essere effettuate già da mercoledì prossimo, anche se i vaccini non saranno somministrati prima della fine di giugno o all’inizio di luglio, compatibilmente con le consegne delle fiale che verranno scadenzate dal governo. Nel frattempo mercoledì sono arrivate le 52.600 dosi di Pfizer che serviranno soprattutto a coprire le secondi dosi delle persone che hanno ricevuto già il primo vaccino. Oggi invece arriveranno 7200 dosi AstraZeneca e 3900 Johnson & Johnson, in anticipo sulla tabella di marcia: erano previste per domenica. «Dall’inizio di giugno arriveranno nuove fiale vaccinali - ha spiegato l’assessore Saltamartini al termine dell’incontro di ieri - tra cui 40.900 dosi di AstraZeneca che ci consentono di proseguire con la campagna di profilassi della popolazione. Proseguiamo anche con la vaccinazione della categoria caregiver: abbiamo avuto altre 5mila richieste di prenotazione ma finiremo entro il 25 maggio». Intanto Pfizer è pronta a fornire vaccini antiCovid anche per i ragazzi e i bambini, e sta lavorando a dosi che possano essere conservate anche in normali frigoriferi e non alle attuali temperature polari. Lo ha spiegato Valentina Marino, direttore medico di Pfizer Italia: «Per la sperimentazione sui ragazzi aspettiamo l’approvazione dell’Autorità europea Ema per l’età 12-16 anni, con lo stesso dosaggio degli adulti. Negli Stati Uniti abbiamo iniziato i test tra i 5 e i 12 anni, che dovrebbe portare all’autorizzazione tra settembre e novembre. Subito dopo partiremo con i 2-5 anni e con i bambini tra 6 mesi e 2 anni». Il commissario per l’emergenza sanitaria Francesco Figliuolo ha insomma lanciato lo sprint della campagna in vista dell’estate, confortato dal calo della curva epidemiologica e dell’impennata delle somministrazioni, che hanno superato quota 25 milioni, pari cioè ad un terzo della platea.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 16:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche