Il turismo per giugno spera nei last minute. Tra luglio ed agosto al sold out. Linee guida e prenotazioni, ecco che succede

Giovedì 13 Maggio 2021 di Martina Marinangeli
Il turismo per giugno spera nei last minute. Tra luglio ed agosto al sold out. Linee guida e prenotazioni, ecco che succede

ANCONA Le linee guida sono state approvate. Le strutture ricettive scaldano i motori. E qualche segnale positivo inizia a registrarsi anche sulle prenotazioni. È tutto pronto per una stagione turistica che parte con il freno tirato - giugno resta un’incognita e si spera nei last minute - ma recupera alla grande tra luglio e agosto, con b&b e villaggi turistici che per alcune settimane dell’alta stagione sono già sold out.

Hotel in fermento, ma 200 russi non arriveranno più: «Vaccinati con lo Sputnik, andranno in Albania»

 

«Siamo ottimisti», il segnale di speranza di Massimiliano Polacco, direttore generale di Confcommercio Marche Centrali, che sottolinea come «molto dipenderà dal pass vaccinale: ci hanno promesso che quello italiano partirà dal 15 maggio e quello europeo dal 15 giugno. Senza certezze, i movimenti saranno pochi». 


I percorsi
Nell’attesa, le strutture ricettive si preparano ad accogliere i clienti e la Regione ha approvato, lo scorso 3 maggio, la delibera con le linee guida anti Covid, fotocopia di quelle del 2020, a parte qualche ritocco. Per esempio sulle piscine in dotazione alle strutture, all’interno delle quali dovranno essere previsti 4 metri quadri per persona senza attività natatoria e 7 mq per attività natatoria. In generale, vanno previsti percorsi di entrata e uscita separati ove possibile, screening e formazione del personale, possibilità di rilevare la temperatura, check in e check out auspicabilmente da remoto. Poi, ogni tipologia di struttura ha le sue misure specifiche. Negli alberghi e simili, per esempio, deve essere garantito il distanziamento in ascensore e bisogna indossare la mascherina nelle aree comuni chiuse (all’aperto solo se non è possibile la distanza di un metro). «Per luglio e agosto le prenotazioni stanno arrivando - fa sapere Emiliano Pigliapoco, presidente Federalberghi Marche - per la bassa stagione, invece, ancora no. A giugno punteremo sul last minute: gli italiani prenotano sempre all’ultimo minuto». Ed è un turismo a stragrande maggioranza tricolore quello che ci si attende nel 2021, così come fu nel 2020. Se gli alberghi partono a rallenty, i b&b non hanno mai smesso di correre: «La nostra parola d’ordine è versatilità - spiega Lorenzo Chiucconi, presidente di Asso B&B Marche - A differenza degli hotel, la nostra è una struttura più snella, che si può modellare sui bisogni del cliente: per esempio, abbiamo ospitato lavoratori in smart working. Per la stagione estiva, invece, molti b&b sono già al completo nella settimana di ferragosto e facciamo rete per non perdere clienti: se la mia struttura è piena, contatto quella vicina così da far rimanere i turisti in zona». C’è poi il pianeta dei villaggi turistici e dei camping, che devono garantire 3 metri tra i 2 ingressi delle unità abitative, qualora frontali, e 1,5 metri nel caso di utilizzo di accessori o pertinenze. Le attività di animazione vanno riorganizzate e previste in piccoli gruppi. 


I nodi
«Nell’ultimo periodo siamo stati sommersi di richieste per luglio ed agosto – fa sapere Daniele Gatti, presidente Villaggi Marche – ed in alcune settimane c’è già il tutto esaurito. Una volta risolti i nodi del pass vaccinale e delle misure restrittive sugli spostamenti, sono sicuro che avremo un’impennata anche per la bassa stagione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA 

Ultimo aggiornamento: 15:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA