Spese facili in Regione, l’appello ribalta 4 condanne: assoluzione per Mollaroli, Benatti e Zini. Prescizione per Rocchi

Spese facili in Regione, l appello ribalta 4 condanne: assoluzione per Mollaroli, Benatti e Zini. Prescizione per Rocchi
Spese facili in Regione, l’appello ribalta 4 condanne: assoluzione per Mollaroli, Benatti e Zini. Prescizione per Rocchi
di Federica Serfilippi
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 21 Settembre 2022, 03:00

ANCONA La Corte di Appello di Ancona ha ribaltato la sentenza di condanna per i quattro ex consiglieri regionali che avevano deciso di procedere con il rito abbreviato nel filone (quello iniziato dopo il ribaltone della Cassazione) delle cosiddette Spese Facili. Ieri pomeriggio il procedimento si è concluso per Adriana Mollaroli, Stefania Benatti, Giovanni Zinni e Lidio Rocchi. Per le prime due è stata decretata l’assoluzione perché il fatto non sussiste, mentre per Zinni perché il fatto non costituisce reato. Nei confronti di Rocchi, invece, sono cadute le accuse per sopravvenuta prescrizione. Erano tutti accusati di peculato per aver ottenuto - sosteneva la procura di Ancona - rimborsi per spese ritenute non prettamente istituzionali o comunque non giustificate durante i loro mandati. 


I casi


La Benatti, difesa dall’avvocato Marina Magistrelli, aveva rinunciato alla prescrizione, convinta di poter provare la sua innocenza. Per i quattro ex consiglieri la condanna in primo grado risale al novembre del 2019. Benatti e Mollaroli (ex Margherita-Ulivo e poi Pd) erano state condannate ciascuna a un anno di reclusione, un anno e otto mesi a Zinni (ex Popolo delle libertà) e due anni a Rocchi (ex presidente Gruppo Misto). La pena era per tutti sospesa. In quell’occasione, era stato assolto anche l’attuale governatore Francesco Acquaroli, che aveva proceduto con l’abbreviato assieme ai quattro giudicati in appello ieri. In 55 invece erano stati rinviati a giudizio, sempre con l’accusa di peculato. Il dibattimento è ancora in corso davanti al collegio penale di Ancona. Per quanto riguarda i quattro che ieri hanno chiuso il conto con la giustizia (salvo ricorsi da parte della procura generale), a vario titolo venivano contestate spese di ristorazione, pagamenti di consulenze, ricariche telefoniche e spese internet. Per un totale complessivo di circa 40mila euro. Quello delle Spese Facili è un procedimento travagliato. In un primo momento, infatti, il gup Francesca Zagoreo aveva decretato nel settembre del 2016 il non luogo a procedere per gli ex consiglieri per cui era stato chiesto il rinvio a giudizio. Agli imputati veniva contestato l’utilizzato di fondi pubblici non per le attività istituzionali che ricoprivano ma per spese private come pranzi, cene, trasporti e consulenze per oltre 1 milione di euro tra il 2008 e il 2012.


I precedenti


La procura aveva impugnato il verdetto e il procedimento era finito in Corte di Cassazione. A Roma i giudici avevano annullato il dispositivo del gup, facendo di fatto ricominciare l’udienza preliminare. Da lì, 55 rinvii a giudizio e cinque riti abbreviati: Acquaroli, Benatti, Mollaroli, Zinni e Rocchi. Discorso a parte per chi, fin dall’inizio (ovvero dalla prima udienza preliminare del 2016), aveva deciso di procedere con l’abbreviato. Si tratta di Giacomo Bugaro (ex Pdl), l’ex governatore Gian Mario Spacca, Oscar Roberto Ricci (Pd) e Francesco Comi (Pd). In questa tranche si è arrivati alla sentenza della Corte d’Appello di Perugia dell’ottobre del 2021 dopo un ping pong giudiziario: assolti Comi e Ricci, condannati Bugaro (un anno e mezzo) e Spacca (un anno e otto mesi). «In questi anni, pur con alti e bassi, non ho mai disperato perché sapevo di essere nel giusto - il commento di Benatti - dopo 14 anni dai fatti, lo Stato rinuncia a procedere, ma io volevo essere giudicata innocente perché me lo merito e non per decorrenza dei termini». Si conclude anche per Zinni quello che ha definito «un incubo durato anni. Finalmente la Corte d’Appello ha stabilito con sentenza che la mia condotta fu perfettamente lecita».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA