Piscine, emergenza idrica dopo il Covid e il caro bollette: «Gestire gli impianti sta diventando un incubo»

Piscine, un'altra crisi. Emergenza idrica dopo il Covid e il caro bollette: «Gestire gli impianti sta diventando un incubo»
Piscine, un'altra crisi. Emergenza idrica dopo il Covid e il caro bollette: «Gestire gli impianti sta diventando un incubo»
di Francesca Pasquali
4 Minuti di Lettura
Giovedì 23 Giugno 2022, 02:15 - Ultimo aggiornamento: 13:32

ANCONA - L’ennesima mazzata. Il colpo di grazia dopo la pandemia e il caro-bollette. La vedono così, i gestori delle piscine marchigiane, l’ipotesi di vietare di riempire gli impianti per far fronte all’emergenza siccità. La proposta sarebbe al vaglio del governo. Il decreto, atteso per la fine del mese, dirà se i timori sono fondati. In tal caso, i gestori non avranno scelta.

«Se arriveranno indicazioni di questo tipo, le metteremo in campo, ma un’ulteriore chiusura non ce la possiamo permettere. Nel 2003, abbiamo vissuto una situazione simile, ma non furono messe in atto grosse limitazioni. Speriamo sia così anche stavolta», dice Igor Pace. Per il gestore delle piscine comunali di Ancona, però, non tutti i mali vengono per nuocere. Perché, se è vero che «l’ennesima tegola sulle nostre teste» rischia di mettere ancor più in crisi il settore, è pure vero che potrebbe essere l’occasione «per rendere più attuali le regole che, adesso, prevedono il ricambio in maniera automatica, senza guardare alla qualità dell’acqua». 


Le imposizioni 

Anche per Andrea Sebastianelli la crisi idrica in atto potrebbe essere un punto di svolta per le piscine. «Serve un programma di investimenti per essere indipendenti dal gas, utilizzando le fonti rinnovabili», spiega il gestore dello Sport Village di Pesaro, che l’11 luglio incontrerà il presidente della Regione, Francesco Acquaroli, «per trovare una soluzione al caro-energia, altrimenti a settembre molte piscine non potranno riaprire». Intanto - prosegue Sebastianelli - «non potremo fare altro che adeguarci alle imposizione che ci saranno impartite» e «se ci chiederanno di chiudere l’impianto o di limitarlo, lo faremo, anche se avremo danni», ma «non vogliamo essere lasciati soli». Nelle Marche, il mondo delle piscine dà lavoro a circa tremila persone. Un microcosmo che rischia di restare di nuovo al palo, dopo due anni di tribolazioni. «Se decideranno di penalizzarci ancora, a soffrire saranno soprattutto le piscine all’aperto, dato che d’estate quelle al chiuso hanno un calo fisiologico di utenti», spiega Marco Cicconi che gestisce l’impianto comunale di Fermo. E che pone all’attenzione anche su un altro punto: «Dove si svolgeranno gare e campionati in programma per l’estate se chiuderanno le piscine?».


Il fiato sospeso
Per Cicconi, il vero nodo sono gli sprechi d’acqua. «Invece di affrontare il problema - dice - pensano a chiudere. Così non si risolverà niente». In allarme anche gli alberghi. Quelli con piscina, che già pregustavano il pienone estivo e che, invece, adesso, sono col fiato sospeso. «Speriamo non si debba arrivare a tanto perché sarebbe un grosso problema, visto che d’estate la gente cerca questi servizi», commenta Emiliano Pigliapoco, presidente di Federalberghi Marche. Il problema riguarderebbe soprattutto le strutture dell’entroterra, dato che quelle sulla costa, con il mare, alla fine, se la caverebbero. «Capisco che in una situazione di emergenza dobbiamo accettare tutto quello che ci chiedono di fare - conclude Pigliapoco - ma, dopo tanti problemi, non ne possiamo davvero più».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA