Da Marconi agli altri, in Regione è corsa per un incarico. E aperta c'è anche la partita delle aziende. Ecco chi c'è e chi ci spera

Giovedì 19 Novembre 2020 di Andrea Taffi
Da Marconi agli altri, in Regione è corsa per un incarico. E aperta c'è anche la partita delle aziende. Ecco chi c'è e chi ci spera

ANCONA - Delle aziende non si parla. Ancora. Possiamo stare tranquilli: l’alto senso delle istituzioni della nuova maggioranza (ma sarebbe stato così anche con la vecchia, ci mancherebbe) e l’emergenza sanitaria impongono di rimanere concentrati sul core business che è passare la nuttata del Covid. Dunque per Ars, Assam, Izs (a metà con l’Umbria, quando sarà), Arpam (quando sarà anche questo), Svim se ne riparlerà con calma.  Ma ecco quanti sono e chi a correre per un incarico.

LEGGI ANCHE: Marche, gli ospedali rischiano il collasso. Pazienti Covid anche a Camerino per scacciare l’incubo zona rossa

 

LEGGI ANCHE: Weekend d'inverno: arrivano piogge, vento fino a 100 km/h, gelo e nevicate anche sotto a 900 metri. Ecco dove e quando

 

Per ora sarà sufficiente annotare che con Pasquini (Ars) alle soglie dalla pensione e Bordoni (Assam) decaduto alla fine del mandato di Ceriscioli, i posti da studiare nelle prossime settimane saranno due. È fluida anche la situazione dei caposervizi, le poltronissime delle strutture tecniche che vanno in scadenza a gennaio e che, per qualcuno, potrebbero anche essere interessati da proroga semestrale. La acque un po’ placide e un po’ limacciose del Natale sembrano fatte apposta per ragionare anche di questo. Sempre che il virus non sia ancora tra i piedi.


La ruota della fortuna

Ma intanto è partita la ruota degli incarichi a chiamata per ricoprire gli incarichi nelle segreterie: posti ambiti in quanto sicuri, in un certo senso sereni, senza pericoli di interpelli e bastoni tra le ruote. Le decisioni sono state scoccate ai primi di novembre, i primi decreti sono fioccati nei giorni scorsi: alcuni sono figure esterne, per la maggior parte invece si tratta di personale interno sfilato ai servizi e ricollocato negli staff per ordini superiori. I migranti interni, tecnicamente vanno in aspettativa e sospesi dal servizio, per entrare in carico nelle segreterie. Detto di Pistarelli (capo di staff) e Conforti (portavoce), il presidente Acquaroli ha chiamato come addetta alla segreteria Orlanda Latini che arriva proprio dal servizio Personale. Ricordiamo che il governatore può chiamare fino a quattro persone nella propria segreteria mentre gli assessori tre. 


Il nome più conosciuto


Il nome più conosciuto invece è sicuramente quello di Luca Marconi, l’ex consigliere recanatese dell’Udc che da lunedì scorso, ha formalmente assunto l’incarico di capo di gabinetto del presidente del consiglio regionale, Dino Latini. Marconi, dipendente dell’università di Macerata (stessa scuderia di Latini), va in aspettativa e andrà a guadagnare 66mila euro lordi. Sempre nella segreteria di Latini nei giorni precedenti era stata arruolata l’esterna Monica Bordoni, storica portavoce delle liste civiche di Osimo. Il vice presidente dell’assemblea Biancani invece ha arruolato Cecilia Parlani (interna) e affidato i gradi di responsabile a Morena Cinotti (ex della segreteria di Minardi). L’altro vice presidente Pasqui ha nominato responsabile Roberto Scarcella e come addetti Valerio Pignotti (consigliere comunale a San Benedetto) ed Elio Tomassoni (ex nella segreteria dell’Idv Donati) . Restando a palazzo Leopardi movimento molto ricco anche nelle segreterie: il monogruppo Rinasci Marche ha chiamato Massimo Parri come responsabile ed Emanuela Montemari (interno) come addetta. L’omologo Civitas (cioè Giacomo Rossi) ha scelto come responsabile Gianluca Castagnani (interno, candidato sindaco a Loreto), addetti Tommaso Gentili e Sergio Solari. Giorgio Fedeli sarà invece il capo segreteria di Forza Italia con Giuseppe Maccarrone e Linda Sandroni addetti. 


Fratelli d’Italia in stand by


Per Fratelli d’Italia si sa solo che il fedelissimo Lorenzo Rabini guiderà la segreteria. Affollamento nel gruppo Lega: Dario Andreolli, vice presidente del consiglio comunale di Pesaro, sarà il capo segreteria: gli addetti sono 11. Ovvero Stefania Staffolani, Lorella Sampaolo, Santa De Angelis, Anna Maria D’Addato, Andrea Cipolletta, Tiziana Bottegoni, Caterina Betti, Andrea Bertarelli, Michela Battisti, Lorenzo Ballarini, Enrico Angelini Marinucci. Sabrina Talevi, invece guiderà la segreteria del Movimento Cinque Stelle con addetti Pierluigi Ferrero e Sergio Foria. Nel Pd non figura ancora un responsabile: tra gli addetti Francesco Ameli, Nadia Bernardini, Elisa Coppari, Jacopo Falà, Romina Fentini, Luca Marzoni, Simone Massaccesi, Alessia Paci e Alessandro Nardelli. 


I team degli assessori 


Tra gli assessori ha già sbloccato le caselle il vice presidente delle giunta Mirco Carloni: insieme a lui lavoreranno due persone a tempo pieno e due part time. Responsabile sarà Francesca Testoni (interna), addetta Antonella Possanzini (interna) insieme a Pamela Tripodi e Fabrizio Benvenuti (idem). Guido Castelli per ora ha nominato soltanto Barbara Pennacchietti (esterna). In arrivo anche una persona per Aguzzi. Si attendono Saltamartini, Latini e Baldelli e il resto della segreteria del governatore. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Ultimo aggiornamento: 08:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA