Il caso Di Furia, le dimissioni doppie della super-dirigente sono un mezzo terremoto in Regione con l'emergenza-Covid. Ecco che succede ora

Martedì 31 Agosto 2021 di Martina Marinangeli
Il caso Di Furia, le dimissioni doppie della super-dirigente sono un mezzo terremoto in Regione con l'emergenza-Covid . Ecco che succede ora

ANCONA - Due lettere: una al segretario generale ed una al direttore del personale. Poi, una serie di messaggi ad alcuni colleghi per comunicare la decisione. Si è dimessa così, nella tarda mattinata di ieri, Lucia Di Furia, numero uno della sanità marchigiana, che lascia sia lo scranno da dirigente del Servizio salute della Regione, sia l’incarico ad interim al vertice dell’Agenzia sanitaria regionale che ricopriva dallo scorso gennaio, in seguito al pensionamento di Rodolfo Pasquini. Una doppietta che sarebbe stata già grave in tempi di pace, ma nell’era della guerra al Covid, con un complicato autunno alle porte, è un mezzo terremoto. 

 

 
Chi prende le redini
A prendere in mano il timone alla guida del Servizio sarà formalmente il segretario generale Becchetti che è vertice della struttura tecnica. Con lo stretto appoggio dei due vice della Di Furia: Filippo Masera al Servizio e Paolo Aletti alla Ars. Solo per un breve periodo, però, perché il nuovo capo arriverà a stretto giro di posta: oggi scadono infatti i termini per la presentazione delle candidature al ruolo di direttore. Giusto i tempi tecnici per la valutazione dei requisiti e la formazione della rosa dei nomi, poi la casella dell’Ars sarà sistemata. Più articolata la situazione al Servizio salute. La riorganizzazione della macchina amministrativa, con il valzer dei dirigenti di Palazzo Raffaello, è già in corso: le proroghe agli incarichi degli attuali manager scadono a dicembre, ma la giunta non ha mai fatto mistero di volerci mettere le mani prima, iniziando a fare le dovute valutazioni al rientro dalla pausa estiva. La poltrona della Di Furia era di quelle traballanti dal momento che, nel settore sanità in particolare, l’esecutivo ha promesso discontinuità rispetto ai precedenti governi di centrosinistra. Ma non era già data con un piede fuori dalla porta, avendo trovato nel presidente Acquaroli un interlocutore disposto ad ascoltare. 


Non ci sono ragioni ufficiali
Le ragioni ufficiali del passo indietro non sono state ancora spiegate dalla diretta interessata, ma ieri si è già fatta notare la sua ingombrante assenza alla cabina di regia per la gestione dell’emergenza Covid, a cui ha preso parte anche il governatore. Classe 1957, originaria di Teramo, Di Furia era stata nominata dirigente del Servizio Salute della Regione nel maggio 2016, succedendo al manager maceratese Piero Ciccarelli. Prima di ricoprire quell’incarico, era dirigente medico dell’Ars con la qualifica di dirigente di Posizione di funzione Assistenza ospedaliera, Emergenza-Urgenza, Ricerca e Formazione, in comando presso l’Ars proveniente dall’Asur Marche. Si è laureata in Medicina e Chirurgia nel 1985 all’Università Politecnica delle Marche e ha conseguito specializzazioni in Oncologia (anche un dottorato di ricerca) e Psichiatria, ha un Master in Strategia dei Modelli a Rete in Sanità. Fra gli altri incarichi svolti, dal 1994 al 2005 è stata dirigente medico presso il Dipartimento per le dipendenze dell’Ausl 16 di Padova. Un lungo curriculum professionale, insomma, che aveva portato l’allora governatore Luca Ceriscioli a sceglierla come suo braccio destro, da assessore alla Sanità, per guidare il settore più delicato della Regione. Ora che la sua parabola a Palazzo Rossini pare essere conclusa a spanne la prospettiva è quella di fare ferie in attesa del passaggio di testimone (prima alla Ars e poi al Servizio) e quindi di rientrare all’Area Vasta 1. Con la prospettiva molto prossima di andare in pensione.
 

Ultimo aggiornamento: 17:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA