In un Covid hotel di Malta 80 ragazzi in quarantena, 21 positivi. Ci sono pure 9 studenti marchigiani: ecco di dove sono

Lunedì 12 Luglio 2021
In un Covid hotel di Malta 80 ragazzi in quarantena, 21 positivi. Ci sono pure 9 studenti marchigiani: ecco di dove sono

ANCONA Tra gli studenti italiani in quarantena a Malta a causa della crescita dei contagi Covid sull’isola, ci sono anche 9 ragazzi marchigiani: due risiedono in provincia di Ascoli e gli altri sono della provincia di Ancona.

Coronavirus, solo 9 positivi nelle Marche, ma con pochi tamponi. Zero decessi, stabili i ricoverati/ I numeri delle regioni

 

Secondo fonti diplomatiche il numero delle persone il quarantena obbligatoria sarebbe salito a 150 con oltre 60 positivi: alcuni sono rimasti in isolamento in cinque strutture dell’arcipelago, prenotate col pacchetto di vacanza-studio, mentre la maggior parte è stata radunata in un albergo a 4 stelle. Lo ha confermato l’ascolano Stefano De Angelis, direttore generale del tour operator Giocamondo Study che, avendo organizzato vacanze-studio per 80 giovani, sta gestendo la difficile situazione venutasi a creare proprio a seguito del consistente incremento dei casi positivi per la pandemia sull’isola, legati anche a nuovi focolai  nelle scuole di inglese presenti. 


Il Covid hotel
«I ragazzi - ha spiegato De Angelis - si trovano in un hotel a di lusso, con assistenza sanitaria e cibo adeguati, grazie alle nostre reiterate sollecitazioni e all’attenta collaborazione da parte  dell’Ambasciata italiana. Inoltre abbiamo anche attivato un servizio di supporto con nostro personale  e abbiamo provveduto alla a copertura economica del soggiorno per la quarantena, fino al 22 luglio». Da mercoledì scorso la situazione dei casi Covid nel gruppo Giocamondo Study si è fatta complessa: «Abbiamo subito attivato una task force per organizzare al meglio l’emergenza e mi sono recato sull’isola - racconta De Angelis - per coordinare il lavoro  che da subito è apparso complicato. Oltre ad isolare i ragazzi dopo aver fatto i tamponi a tutti ed individuato 21 casi positivi, la Pubblic Healt di Malta ha bloccato in quarantena anche il nostro staff. Quindi gli studenti sono rimasti soli e senza la possibilità di essere assistiti dalla nostra organizzazione». Trattandosi di minorenni e dopo diverse pressioni, è stato consentito ad alcuni operatori di tenere sotto controllo i ragazzi mentre si trattava per il trasferimento in un albergo diverso da quello scelto per la vacanza studio. «Abbiamo scelto un hotel di lusso nel cuore dell’isola con ampie camere, tutte con balcone e vista sulla meravigliosa baia di Saint George». 


I contatti con l’Italia
Nel frattempo le famiglie dei ragazzi sono state sempre costantemente tenute informate dell’evolversi della situazione attraverso e-mail, messaggi e dirette zoom realizzate da Malta per rispondere a tutte le loro domande.  L’ambasciata italiana a Malta, in stretto raccordo con il ministero degli Esteri, ha «svolto passi di sensibilizzazione presso le competenti autorità locali - si legge in una nota della Farnesina - per consentire il rientro in Italia di coloro che sono risultati negativi al tampone, ma per il momento la normativa maltese rimane confermata e non consente il ritorno nel nostro Paese, né per le persone positive né per i contatti stretti negativi, per 14 giorni». In questa situazione di emergenza il direttore del tour operator ascolano, Stefano De Angelis - ha raccontato che «i protocolli sanitari maltesi in questi casi non prevedono visite dei medici, ma solo consulenze telefoniche o trasferimento in ospedale. Da parte nostra, pur non avendo responsabilità sanitarie e avendo previsto per i nostri gruppi di giovani in soggiorno disposizioni anticovid rigidissime, ci siamo fatti concedere tanti permessi speciali dalla Public Healt per quanto riguarda l’autorizzazione a far entrare nuovo personale in hotel: trattandosi di minorenni non potevano non acconsentire che altri operatori si prendessero cura degli studenti».


Le spese assicurate
De Angelis chiarisce anche che sono subito state attivate le assicurazioni   per non «far pesare sulle famiglie dei ragazzi il costo dell’ulteriore soggiorno per la quarantena: saremo noi ad anticipare i pagamenti per l’hotel anziché i nuclei familiari, per poi recuperare successivamente le somme grazie a specifiche polizze assicurative per il Covid che precauzionalmente avevamo fatto sottoscrivere». 
mtb
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 13 Luglio, 10:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA