Miliardi con i vaccini ma meno blister, la Pfizer taglia il personale nelle Marche

Venerdì 26 Marzo 2021
Miliardi con i vaccini ma meno blister, la Pfizer taglia il personale nelle Marche

ASCOLI - Se da un  lato la multinazionale farmaceutica Pfizer sta facendo affari miliardari sui vaccini anti-Covid, nell'altra faccia della medaglia, quella delle compresse, le cose non vanno come nelle previsioni come sta avvenendo anche per altri gruppi farmaceutici, stravolte dall'emergenza sanitaria internazionale. Nello stabilimento ascolano, leader nei blister (compresse e capsule), noto soprattutto per la produzione dello Xanas e di farmaci oncologici, purtroppo c'è stato un calo sensibile del mercato legato proprio alla pandemia.

LEGGI ANCHE

L'annuncio di Acquaroli su Fb: «Dati in miglioramento, ma Marche in zona rossa Covid fino a Pasqua»

LEGGI ANCHE

Nelle Marche ancora più di ventimila anziani senza vaccino. Saltamartini si difende: «Non abbiamo le dosi». Come stanno le cose

 

Per questo motivo, alcune settimane fa, i vertici aziendali, a malincuore, hanno annunciato la disdetta del contratto di staff leasing per sessanta unità lavorative. Ma sulla trattativa ora si apre uno spiraglio. Con spiccato senso di responsabilità da parte della direzione e dei sindacati si sta valutando quali possano essere le condizioni per rendere meno traumatico questo passaggio. Circa una trentina di operai in staff leasing sono tornati o stanno andando a casa ma un'altra trentina ha ancora il contratto in scadenza. E sono soprattutto giovani. Per questo motivo si sta valutando un'ipotesi di staffetta generazionale. Una mobilità volontaria incentivata a  chi è prossimo alla pensione ma non ha ancora maturato i requisiti o chi intende cambiare aria. Sul quantum e sulle modalità il dibattito è ancora aperto. Ad Ascoli lavorano circa mille persone fra dipendenti e indotto. 

Ultimo aggiornamento: 27 Marzo, 06:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA