Partita la richiesta del governatore
«Stato d’emergenza per le Marche»

Partita la richiesta
del governatore: «Stato
d’emergenza per le Marche»
NUMANA - La tempesta alla spalle, la stagione turistica da portare avanti senza indugi e ancora più attraente. L’urgano di martedì si riconosce solo da pochi cumuli rimasti che segnalano la distruzione e che stanno scomparendo a grande velocità, la vita sulla spiaggia è ripresa senza pensieri che non siano quelli del meteo; le attività di contorno del cartellone sono confermate e continuano ad attirare. Se il pensiero della ripartenza è stato il motivo conduttore delle prime ore, altrettanto importante il percorso - che si annuncia più lungo - dei risarcimenti provocati dall’ondata di maltempo. Anche qui, la solerzia non manca ma come insegnano le esperienze precedenti da sola non basta a garantire celerità.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
Scopri la promo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 13 Luglio 2019, 05:50 - Ultimo aggiornamento: 05:50