Ostra, aziende sfigurate e imprenditori in ginocchio: «Cinque milioni dal Governo? Da ridere»

Ostra, aziende sfigurate e imprenditori in ginocchio: «Cinque milioni dal Governo? Da ridere»
Ostra, aziende sfigurate e imprenditori in ginocchio: «Cinque milioni dal Governo? Da ridere»
di Stefano Rispoli
3 Minuti di Lettura
Domenica 18 Settembre 2022, 02:55 - Ultimo aggiornamento: 16:49

OSTRA - La zona industriale di Ostra è una conca di melma e detriti. Non si è salvato niente. Il Misa e il Nevola, che cingono la vallata, l’hanno annegata sotto due metri d’acqua. L’effetto tsunami è stato devastante: la Zipa è spettrale, punteggiata da aziende-fantasma sfigurate da montagne di fango. Qua e là, auto volate sopra le recinzioni, camion rovesciati nelle scarpate.  La forza dell’onda distruttrice ha perfino scaraventato un container contro un cancello. «Le foto non rendono: chi non è qui non può capire» si dispera Lucia Collamati. Nel suo negozio di ricambi per auto hanno già fatto una stima dei danni: «Trecentomila euro», dice. Ma è solo una prima stima. «L’attività è disastrata, il poco materiale che abbiamo salvato lo venderemo a un terzo del prezzo per chi ne ha bisogno. Lo Stato promette 5 milioni? Mi viene da ridere. Non bastano nemmeno per rimettere in piedi questa zona industriale». 


La devastazione 


Percorrere via Merloni è come affrontare un rally, tant’è il fango che la invade. Tutti, imprenditori, dipendenti e volontari, si sono armati di pale, scope e galosce: vogliono liberare i loro luoghi di lavoro da quell’inferno d’acqua marrone. «Dove metti le mani, vengono fuori i danni». Ivan Spadoni ci accoglie in quel che resta del suo gioiellino, la cioccolateria Miv, che produce ghiottonerie anche per la Lufthansa. «Il magazzino era pieno, ora è tutto da buttare - racconta -. L’acqua, alta un metro e venti, è entrata in tutti i macchinari: salvarli sarà difficilissimo. Il danno per noi è enorme perché salterà anche il Natale: impossibile far ripartire la produzione, pure l’impianto elettrico è da rifare». L’incubo del 2014 si è materializzato di nuovo. «Sa che contributo mi è arrivato quella volta dallo Stato? 23 euro. Li ho rimandati indietro. Ecco perché quando sento dire “non vi lasceremo soli” tremo». Piccole o grandi che siano, le imprese del distretto industriale di Ostra sono devastate. Uffici, magazzini, attrezzature: tutto è stato spazzato via. 

«C'è poco da salvare»


Michele Bartera ha una ditta di tinteggiature. «C’è ben poco da salvare - commenta -. Da me l’acqua ha raggiunto i 70 centimetri. Tutto distrutto». Un bobcat va su e giù per rimuovere i detriti. «Io penso a liberare dal fango la mia ditta. Mi auguro che prima o poi qualcuno venga a pulire le strade. Non si è visto nessuno: ci hanno lasciato soli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA