L'Italia divisa in due tra caldo africano e temporali: ecco cosa succede nelle Marche

Lunedì 11 Maggio 2020
L'Italia divisa in due tra estate anticipata e temporali: ecco cosa succede nelle Marche

ANCONA - Meteo, l'Italia divisa in due, tra l'estate anticipiata al sud ed il maltempo al Nord. E il centro? E le Marche? Secondo gli esperti di di www.3bmeteo.com alcuni fenomeni ci riguarderanno ma il tempo sarà più stabile che al nord pur non essendo bello come al sud. Edoardo Ferrara di 3bmeteo.com assicura:“settimana movimentata al Nord con rovesci e temporali alternati a parentesi assolate. Al Sud, e in misura più marginale al Centro, in arrivo forte ondata di caldo africano con possibili record per maggio sulle regioni meridionali”

GUARDA LE PREVISIONI

"Si conferma una settimana dinamica per le regioni settentrionali, attualmente alle prese con una perturbazione responsabile di rovesci e temporali sparsi e un calo delle temperature - spiega il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara - Ad ogni modo fino al weekend il tempo si manterrà variabile con ulteriori spunti temporaleschi, anche di una certa intensità, comunque più frequenti a ridosso di Alpi, Prealpi e in generale sul Nordovest. Non mancheranno anche parantesi asciutte e soleggiate, soprattutto sul Nordest. Qualche occasionale acquazzone potrà interessare anche il Centro, dove tuttavia prevarrà il tempo stabile anche se a tratti nuvoloso.

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, tutte le Marche ormai vicine ai "contagi zero", trenta guariti in un giorno

Spiagge, rebus protocolli per i bagnini: «50 ombrelloni in meno, ma ci provo». «Non so se apro lo chalet»

Tutta un'altra storia invece al Sud, dove è confermato l'arrivo di una ondata di caldo africano piuttosto intensa da mercoledì fino ad almeno sabato. Il picco sarà soprattutto tra giovedì e venerdì quando non si escludono record di caldo per maggio su Sicilia, Calabria, Basilicata e Puglia. Coinvolto anche il Centro, sebbene in misura più marginale, con massime pari o superiori ai 30°C sulle zone interne, specie tra Lazio e Abruzzo. Va comunque segnalato che il clima sarà decisamente più mitigato lungo le coste, specie adriatiche e ioniche, grazie ai venti che proverranno da un mare ancora piuttosto freddo, eredità termica dell'Inverno. Faranno eccezione le coste tirreniche di Sicilia e Calabria, dove i venti di caduta di Scirocco potranno far impennare, temporaneamente e a livello locale, le temperature anche oltre i 34-35°C (specie su palermitano, messinese tirrenico, lametino e vibonese).”

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA