Luchetti: "Il sistema imprenditoriale
marchigiano può battere la crisi"

Luchetti: "Il sistema imprenditoriale marchigiano può battere la crisi"
3 Minuti di Lettura
Martedì 9 Dicembre 2014, 19:43 - Ultimo aggiornamento: 16 Dicembre, 15:25

ANCONA - Conferma piena e attesa: il premio Valore Lavoro cresce anno dopo anno.

"Ho potuto leggere progetti che parlano di innovazione, di originalità, capacità di presidiare il mercato e usufruire degli strumenti messi a disposizione del Fondo Sociale Europeo. Sono sempre più convinto che il sistema imprenditoriale marchigiano abbia le risorse giuste per vincere la crisi".

Lo ha detto l'assessore regionale al Lavoro Marco Luchetti durante la cerimonia conclusiva dell'ottava edizione dell'evento, nell'ambito della Giornata delle Marche. Per il presidente della Regione Gian Mario Spacca, che ha inviato un messaggio di congratulazioni alle imprese premiate, il riconoscimento alle aziende "in una fase economica nazionale recessiva assume un significato estremamente importante, esemplare, in perfetta simbiosi con le parole chiave che la Regione Marche ha scelto per la Giornata delle Marche: Crescita, Sviluppo, Lavoro. Un segnale fondamentale di speranza anche per i giovani, per la loro occupabilità e per confermare i valori di coesione e di solidità che da sempre connotano la nostra comunità".

Il premio Valore Lavoro, promosso da Regione Marche, con il contributo del Fondo Sociale Europeo, valorizza le buone pratiche aziendali attuate dalle realtà imprenditoriali marchigiane a favore delle risorse umane, condividendole tra aziende, istituzioni ed opinione pubblica. Si tratta di casi significativi, replicabili anche in altri contesti produttivi, per conoscere più da vicino come alcune realtà abbiano saputo vincere la crisi e trovare nuove opportunità di business.

"Questi riconoscimenti - ha proseguito Luchetti - simboleggiano il saper fare dei marchigiani, la volontà di migliorare la vita aziendale nonostante le condizioni avverse e di investire nella persona come risorsa per la qualità del lavoro. Per uscire attrezzati da questa crisi occorre cambiare pensiero: da un individualismo spinto alla conoscenza reciproca tra imprese, alla condivisione degli strumenti e delle opportunità".

Dai progetti candidati emerge una lucidità derivante dall'autoanalisi di elementi di forza e di debolezza, la capacità di intercettare nuove nicchie di mercato, diversificare l'offerta e consentire alle risorse umane di crescere professionalmente e di lavorare in ambienti più salubri e confortevoli. Questi asset competitivi, uniti alla capacità di accedere agli strumenti messi in atto da Regione e Province con il supporto dei Fondi Strutturali, permettono di evolversi, di cambiare con successo e di vincere le difficoltà. Le candidature sono venute da tutti i comparti produttivi, servizi, nautica, ricerca e sviluppo, meccanica, servizi all'infanzia, rifiuti e ambiente, accessori moda, componenti d'arredo, trasformazione agroalimentare. Ma nella cerimonia di oggi sono state premiate dalla Federazione Nazionale maestri del Lavoro anche le aziende che si sono impegnate nella sicurezza otre gli obblighi di legge. Premiata anche la continuità delle buone pratiche da parte delle imprese che avevano avuto il riconoscimento nelle sette edizioni precedenti.

Leggi Corriere Adriatico per una settimana gratis - Clicca qui per la PROMO

© RIPRODUZIONE RISERVATA