Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roberto Mancini, ultima fermata Portonovo prima di Coverciano. Un'estate tutta d'oro

Roberto Mancini, ultima fermata Portonovo prima di Coverciano. Un'estate tutta d'oro
Roberto Mancini, ultima fermata Portonovo prima di Coverciano. Un'estate tutta d'oro
1 Minuto di Lettura
Domenica 29 Agosto 2021, 10:48

ANCONA . - Come finale di un’estate d’oro non c’è male. Per il citì azzurro Roberto Mancini, laureatosi campione d’Europa con l’Italia a Wembley, cena a Portonovo ieri sera con gli amici di Jesi capitanati da Bruno Sassaroli.

La tavola è quella di sempre, da Marcello Nicolini, lato molo, il sole che va a sfumare dolcemente dietro il trave. Arrivo un quarto alle otto: pantalone bianco, polo blu e golf di cotone rosso rosaceo, giubbino aperto. Poi spaghetti alle vongole e frittura, non si deroga alle buone abitudini. Sorrisi, foto e autografi al momento di andare. L’estate stavolta è davvero finita: questa sera è previsto il raduno a Coverciano in vista delle tre partite di qualificazione ai Mondiali 2022, contro Bulgaria, Svizzera e Lituania il 2, il 5 e l’8 settembre. Con Portonovo e le Marche nel cuore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA