Camera di Commercio Marche, il report spietato: «Innovazione e tecnologia, le imprese sono in ritardo»

Sabato 29 Maggio 2021 di Maria Teresa Bianciardi
Gino Sabatini, presidente Camera di commercio delle Marche

ANCONA  - La digitalizzazione delle imprese nelle Marche continua a restare indietro per la difficoltà di accesso alla banda larga e per il ritardo delle attività economiche nell’adozione delle tecnologie 4.0. Lo conferma il report che è stato presentato ieri sullo stato della trasformazione digitale in regione, promosso dalla Camera di commercio marchigiana nell’ambito delle iniziative del Punto Impresa Digitale e in collaborazione con l’Università Politecnica delle Marche.

Marche commissariate, l'ex governatore Spacca: «Siamo poco uniti: è la mia sconfitta. Ci ho provato nella vita precedente»

 


«Fra le ragioni che spiegano il relativo ritardo che gli indicatori statistici attribuiscono al sistema delle imprese marchigiane vi è, innanzitutto, un dato di carattere strutturale - si legge nel documento presentato ieri -: l’elevato peso nella nostra regione delle imprese di piccola e piccolissima dimensione. Anche tenendo conto di questa caratteristica strutturale, il sistema delle imprese marchigiane mostra un livello di digitalizzazione inferiore rispetto alla media. A spiegare questo divario vi è anche la composizione settoriale, per la presenza di settori produttivi tradizionalmente meno sensibili all’investimento in innovazione». 


La capillarità a livello territoriale dell’accesso alla banda larga costituisce un prerequisito per la possibilità di diffusione delle tecnologie digitali. Il vicepresidente della Regione Mirco Carloni è intervenuto più volte su questo aspetto ribadendone la priorità negli interventi in questo ambito della Regione Marche. «L’analisi che i docenti di Univpm hanno illustrato - ha sottolineato Gino Sabatini, presidente Camera di commercio delle Marche - rileva che gli indicatori di digitalizzazione a livello territoriale mostrano un significativo ritardo delle Marche rispetto alle regioni del centro-nord dell’Italia, ancor più significativo se si considera che la posizione di queste ultime non è tra le più avanzate in ambito Ue.

Camera Marche è parte attiva nella sfida digitale: lo è con l’attività del suo Punto Impresa Digitale, lo è offrendo essa stessa servizi digitalizzati, mettendo a punto misure che attrezzino le imprese ad affrontare la sfida digitale. L’ultimo, presentato mercoledì scorso, ha riguardato il settore del turismo. Ma ci siamo occupati anche di digital market e di export digitale». Attraverso i bandi voucher digitali Impresa 4.0 la Camera di Commercio delle Marche si è prefissa di promuovere l’utilizzo, da parte delle imprese di servizi o soluzioni focalizzati sulle nuove competenze e tecnologie digitali « stimolare la domanda da parte delle imprese del territorio di servizi per il trasferimento di soluzioni tecnologiche e realizzare innovazioni tecnologiche o implementare modelli di business derivanti dall’applicazione di tecnologie Impresa 4.0».


Negli ultimi sei mesi sono stati concessi  700mila euro di voucher Digitali Impresa 4.0 a 160 piccole e medie imprese per progetti di implementazione di tecnologie digitali 4.0. Con il bando Otim «abbiamo incoraggiato la promo - commercializzazione on line dei prodotti turistici marchigiani mediante la concessione di contributi agli operatori marchigiani dell’incoming».

 

Ultimo aggiornamento: 5 Giugno, 22:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA