Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Terza dose di vaccino nelle Rsa e agli over 80: le prenotazioni si possono fare da lunedì

Terza dose di vaccino nelle Rsa e agli over 80: le prenotazioni si possono fare da lunedì
Terza dose di vaccino nelle Rsa e agli over 80: le prenotazioni si possono fare da lunedì
di Maria Teresa Bianciardi
4 Minuti di Lettura
Sabato 2 Ottobre 2021, 02:05 - Ultimo aggiornamento: 3 Ottobre, 12:31

ANCONA  - Non nelle solo Rsa o per i pazienti immunodepressi e trapiantati. Ora è possibile la somministrazione di una dose booster di vaccino anche ai marchigiani ultra ottantenni - (classe 1941 e precedenti, circa 111.000 persone - che hanno già ricevuto le 2 dosi del vaccino (o la dose singola se Janssen) con la seconda inoculazione effettuata almeno 6 mesi prima.

E così da lunedì, dopo un periodo di vaccinazione libera nei punti regionali e con i camper, si riparte dalle prenotazioni: si potranno effettuare accedendo al sito della Regione Marche o al portale di Poste Italia e la somministrazione del rinforzo anti Covid inizierà dal giorno successivo, martedì 6 ottobre, in tutti gli hub regionali. 

«La dose booster verrà effettuata esclusivamente con i vaccini m-Rna Pfizer o Moderna a prescindere da qualsiasi tipologia di vaccino somministrata in precedenza (Astra Zeneca o Janssen) - sottolinea l’assessore regionale alla Sanità, Filippo Saltamartini -: ovviamente è sempre possibile ed è fortemente raccomandata la somministrazione della prima dose vaccinale per chi ancora non ha inteso iniziare il percorso vaccinale, circa il 3% della platea complessiva degli over 80 anni». La vaccinazione è considerata l’unica vera strada nella battaglia contro il Covid e l’assessore Saltamartini mostra i dati delle ultime tre settimane di ricoveri ospedalieri che testimoniano quanto la profilassi incida nel mitigare la gravità degli effetti del virus. Nel periodo tra il 13 ed il 19 settembre in terapia intensiva sono finiti tre pazienti vaccinati su 21 ricoverati, ovvero il 14,3%, mentre in Area medica erano 9 su 58 (15,5%).

Tra il 20 ed il 26 settembre in rianimazione il rapporto è rimasto di 3 infetti con almeno una dose di vaccino su 21 totali e in Area media di 13 su 60 (21,7%). L’ultima settimana presa in esame riguarda quella tra il 27 settembre e ieri, primo ottobre. Due vaccinati su 18 in rianimazione (11,1%) e 13 su 57 (22,8%) in Area medica. 

«Dal 20 settembre è partita la somministrazione della dose addizionale ad alcune categorie prioritarie di popolazione, ovvero soggetti sottoposti a trapianto di organo solido o con marcata compromissione della risposta immunitaria per cause legate alla patologia di base o a trattamenti farmacologici - rimarca l’assessore alla Sanità - Come per le precedenti somministrazioni, se la persona è in difficoltà a raggiungere le sedi ospedaliere può contattare il proprio medico di medicina generale che potrà programmare la vaccinazione a domicilio. Dal 21 settembre, invece, per tutti coloro che pur appartenendo alla categoria sopra indicata non sono però seguiti dagli Specialisti Ospedalieri, è attiva la prenotazione nel portale di Poste Italia raggiungibile dal sito della Regione». Intanto i ricoveri per Covid sono in calo nelle Marche: in tutto sono 70 (-5), di cui 17 (-1) in terapia intensiva, 22 (-1) in semi intensiva, 31 (-3) in aree non intensive. Restano sempre sotto quota cento (94) i nuovi casi positivi a rilevati nelle Marche nelle ultime 24 ore, con un tasso di incidenza di 31,60 su 100mila abitanti, in rialzo rispetto a ieri (30,23).
Il report
Nell’ultima giornata non ci sono stati decessi e il totale resta fermo a 3.078. Dei 94 tamponi positivi il maggior numero, 34, è stato rilevato nella provincia di Pesaro Urbino, seguita da Macerata con 21, Ancona con 16, Ascoli Piceno con 9 e Fermo con 2, oltre a 12 casi di fuori regione. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA