Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Paralizzato per undici anni dopo l'incidente: dall'Asur Marche il primo via libera d'Italia al suicidio assistito

Marco Cappato dell'Associazione Luca Coscioni
Marco Cappato dell'Associazione Luca Coscioni
1 Minuto di Lettura
Martedì 23 Novembre 2021, 10:26 - Ultimo aggiornamento: 24 Novembre, 08:14

ANCONA - Paralizzato per undici anni dopo l'incidente: dall'Asur Marche il primo via libera d'Italia al suicidio assistito. È Mario, nome di fantasia, il primo malato in Italia ad aver ottenuto il via libera al suicidio medicalmente assistito. Il comitato etico dell'Asur Marche ha attestato infatti che Mario possiede i requisiti per l'accesso legale al suicidio assistito. Lo riporta la Stampa. Il via libera è arrivato dopo due diffide legali all'Asur e l'aiuto offerto dall'associazione Luca Coscioni. Mario è il primo malato in Italia a ottenere il via libera al suicidio medicalmente assistito, dopo la sentenza "Cappato-Dj Fabo" emessa dalla Corte Costituzionale. «Mi sento più leggero, mi sono svuotato di tutta la tensione accumulata in questi anni. Sono stanco e voglio essere libero di scegliere il mio fine di vita. Nessuno - dice in un video - può dirmi che non sto troppo male per continuare a vivere in queste condizioni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA