Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gozzini nuovo superdirigente della Sanità: «Da Ancelotti ad Acquaroli, la mia Champions me la gioco nelle Marche»

Armando Marco Gozzini 61 anni dal primo dicembre assumerà l incarico di super manager della sanità nelle Marche
Armando Marco Gozzini 61 anni dal primo dicembre assumerà l’incarico di super manager della sanità nelle Marche
di Maria Teresa Bianciardi e Andrea Taffi
4 Minuti di Lettura
Sabato 27 Novembre 2021, 03:35 - Ultimo aggiornamento: 14:31

ANCONA - Ha già trovato casa vicino al teatro delle Muse, vista porto, e mercoledì varcherà la soglia della Regione da numero uno della sanità marchigiana. Armando Gozzini è infatti il super manager arrivato da Milano ad Ancona per guidare il dipartimento Salute e (ad interim) l’Agenzia regionale sanitaria. Due esperienze da direttore generale nella sanità dell’hinterland milanese - equivalente di un nostro capoluogo di provincia – e dal 2016 la direzione socio sanitaria a Pavia. Tra il 2003 e il 2008 è stato coordinatore dei medici del Milan che ha vinto due Champions e quant’altro. Gozzini è figlio di un vigile urbano e di una casalinga, milanesissimi di Porta Romana e Porta Vittoria.

Allarme variante Omicron, nelle Marche i ricoveri restano stabili ma le terapie intensive sono al limite. Il sottosegretario a Senigallia: «La stiamo monitorando»


Dottor Gozzini cominciamo da giovedì scorso, quando per la prima volta è entrato a palazzo Raffaello.


«Una visita doverosa prima di prendere servizio a dicembre. Ho avuto modo di conoscere i colleghi dirigenti, i funzionari degli uffici ed ho incontrato il presidente Acquaroli con l’assessore Saltamartini. Insieme abbiamo messo a fuoco le prime problematiche da affrontare».


La aspettano a braccia aperte. Ne avrà di lavoro e bisognerà anche sbrigarsi.
«Sì ho percepito l’esigenza. Ci sono già situazioni che non possono aspettare oltre come il nodo delle liste d’attesa, il Piano socio sanitario e la riforma della sanità con la ristrutturazione dell’Asur. C’è l’emergenza Covid che è sotto gli occhi di tutti e poi tutta la sfida del Pnrr, un’occasione da non perdere in questo settore fondamentale per i cittadini».


Da Milano alle Marche, quasi una scelta di vita. Perché ha accettato questo incarico nelle Marche?

«Per me è il completamento di una carriera da manager nella sanità. Ho alle spalle otto anni come direttore generale delle Aziende ospedaliere di Gallarate e Busto Arsizio, Dal 2000 al 2007 sono stato dirigente medico dell’ospedale Macedonio Melloni di Milano all’interno del Fatebenefratelli e direttore sociosanitario a Pavia per altri sei anni. Mi mancava osservare le meccaniche e le logiche della sanità regionale dal punto di vista organizzativo, gestionale e strategico. Questo incarico è l’ideale completamento della mia carriera».


Nel suo lungo curriculum da manager sanitario, arricchito anche da una serie di esperienze in vari Cda e come assessore comunale, si inserisce anche una lunga parentesi da responsabile sanitario del Milan. Batte un cuore da tifoso rossonero?
«Da tifoso, ma non solo. Questo è stato il mio primo grande desiderio da bambino. Sono un calciatore mancato e non essendo riuscito a realizzare il sogno di entrare in campo da giocatore mi sono detto: diventerò medico della squadra. E ci sono riuscito».


Calciatore mancato?
«Diversi infortuni, ho capito che dovevo cambiare strada». 


Da capo dello staff rossonero ha mantenuto l’incarico fino al 2007, poi cosa è successo?
«Per me è stata un’esperienza importantissima e formativa, ma strada facendo gli obiettivi cambiano, anche se dal punto di vista gestionale non è molto diverso dall’incarico di direttore di un’Azienda ospedaliera con un bilancio da 300 milioni: i conti erano gli stessi».


Ha ricevuto due avvisi di garanzia nel suo passato: come sono terminati i procedimenti?
«Archiviati in entrambi i casi e dopo pochi mesi»..


Ha avuto incarichi dal sindaco di Forza Italia, Albertini, poi è stato direttore generale nella Regione di Formigoni e nel 2016, con l’arrivo di Maroni, si è salvato ma finendo a Pavia. Per chi batte il suo cuore politico considerato anche il suo quinquennio nella squadra di Berlusconi ?


«Intanto, mai avuto tessere. Ho lavorato bene con tutte le amministrazioni di centrodestra. A Legnano dipendevo da una giunta monocolore leghista. Berlusconi? Certo, lo conosco ma non ci sentiamo tutti i giorni».


Ormai è un ex direttore socio-sanitario cioè un manager chiamato a integrare la sanità degli ospedali con quella del territorio: le Marche devono ricostruire proprio la rete del territorio: ci si aspetta molto da lei e ha anche due incarichi.
«Sono pronto, non mi sono mai tirato indietro. Con le responsabilità ho iniziato a 27 anni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA