Covid e personale sanitario, aumentato il tetto di spesa: nel 2022 sarà di 1,6 milioni. Asur, Inrca, Torrette e Marche Nord arrivano ad un totale di 929 milioni

Covid e personale sanitario, aumentato il tetto di spesa: nel 2022 sarà di 1,6 milioni. Asur, Inrca, Torrette e Marche Nord arrivano ad un totale di 929 milioni
Covid e personale sanitario, aumentato il tetto di spesa: nel 2022 sarà di 1,6 milioni. Asur, Inrca, Torrette e Marche Nord arrivano ad un totale di 929 milioni
di Martina Marinangeli
3 Minuti di Lettura
Lunedì 31 Gennaio 2022, 03:00 - Ultimo aggiornamento: 15:50

ANCONA - Più soldi per gli “angeli del Covid”. La giunta regionale, con delibera 1670, ha rideterminato a rialzo il tetto di spesa per il personale degli enti del Servizio sanitario regionale. Un aumento che, negli ultimi due anni, ha riguardato tutte e quattro le aziende ospedaliere e che, per il 2022, ammonta a 1.682.381 euro. Gli incrementi sono stati definiti a partire dal peso percentuale del tetto del personale assegnato agli enti e vengono così distribuiti: 66,55% all’Asur, per 1.119.625 euro; 17,03% agli Ospedali riuniti di Ancona, pari a 286.509 euro; 10,35% a Marche Nord, per 174.126 euro e 6,07% all’Inrca, pari a 102.121 euro. 

Covid e personale sanitario, aumentato il tetto di spesa: nel 2022 sarà di 1,6 milioni. Asur, Inrca, Torrette e Marche Nord arrivano ad un totale di 929 milioni

 
I conti
Le rimodulazioni dei tetti di spesa in materia di sanità vedono come normativa di riferimento la legge finanziaria del 2010 che, nel definire il quadro economico di compatibilità entro il quale devono essere programmate le assunzioni di personale, a valere sul triennio 2010-2012 aveva stabilito quale tetto il corrispondente ammontare dell’anno 2004, diminuito dell’1,4%. In tale contesto normativo la precedente amministrazione regionale, considerato che i vincoli imposti agli enti del Ssr non risultavano più coerenti con gli incrementi o decrementi del costo del personale verificatisi successivamente all’annualità 2004, con delibera del 2019 ha rideterminato il tetto del personale degli enti del Ssr.


Il computo

Nel triennio 2019-2021, infatti, ci sono stati aumenti annuali pari al 10% dell’incremento del Fondo sanitario regionale. Questo provvedimento, in particolare, aveva assegnato all’Asur l’obiettivo di potenziare i servizi di prevenzione e tutela della salute ed all’ospedale regionale di Torrette quello di attivare due posti letto di day hospital e due posti letto di degenza ordinaria aggiuntivi presso l’Unità spinale dell’azienda, al fine di raggiungere un totale di dieci posti letto, in attuazione del Piano sociosanitario 2020-2022. Con delibera 542 del 3 maggio 2021 la giunta Acquaroli, in assenza dell’assegnazione definitiva del Fondo sanitario regionale 2021, ha in via prudenziale proceduto all’incremento del tetto di spesa assumendo quale termine di riferimento il valore corrispondente al 5% dell’incremento del Fondo sanitario regionale 2020 rispetto all’esercizio precedente, e si è impegnata a rivalutare la determinazione assunta in seguito all’incremento definitivo del Fondo 2021. 


La rimodulazione
Con la rimodulazione, la capacità di spesa per il personale è di 618.274.000 euro per l’Asur, 158.336.000 per Torrette, 96.194.000 a Marche Nord e 56.477.000 per l’Inrca, per un totale di 929.281.000 euro. «In caso di scostamento – specifica la delibera 1670 del 28 dicembre 2021 –, l’ente interessato adotta in tempo utile tutte le misure necessarie al fine del puntuale rispetto del tetto di spesa. Azioni di riorganizzazione delle attività degli enti del Sssr e/o disposizioni degli organi competenti potranno comportare la revisione dei tetti sopra stabiliti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA