Liste d'attesa, Tac e sanificazione: i tempi diventano infiniti. Nuovo summit con Saltamartini

Martedì 21 Settembre 2021 di Maria Teresa Bianciardi
Una tac e nel riquadro l'assessore regionale Filippo Saltamartini

ANCONA - Già i primi di giugno l’assessore regionale alle Sanità aveva impresso una prima accelerata alla situazione difficile delle liste d’attesa accavallatesi durante questi 18 mesi di pandemia. Un vertice con i vertici della sanità e delle aziende ospedaliere per capire la direzione da prendere e da quali basi partire. Prossimo step, venerdì. Quando Saltamartini si aspetta di avere sulla sua scrivania una radiografia dettagliata dello stato dell’arte e il piano per smaltire le richieste, pregresse ed attuali. 

 

L’obiettivo

Missione difficile, anzi difficilissima perché il Covid continua ad essere l’ostacolo numero uno nella organizzazione della diagnostica e della prevenzione sanitaria. Le misure anti virus da rispettare sono molte e di non semplice applicazione: si va dagli accessi verificati ai percorsi separati, dalle sale di attesa con presenze ridotte alla sanificazione. E proprio quest’ultimo tassello rappresenta il nodo più difficile da sciogliere, anche per l’assessore regionale: «Sanificare un macchinario tra una visita e l’altra - sottolinea Saltamartini - significa sottrarre minuti che vanno ad allungare le attese e a procrastinare ulteriormente diagnosi ed interventi». Piove sul bagnato, insomma. 

La riorganizzazione

Se la pandemia ha sostanzialmente paralizzato le prestazioni di tipo D (30 giorni per le visite e 60 giorni per gli esami diagnostici) e le P (visite ed esami da effettuare entro 180 giorni), il ripristino delle agende (prenotazioni e presa in carico) e la rimessa in opera delle liste di garanzia deve fare i conti con la necessità di provvedere a tutte le misure antivirus nel caso di controlli con macchinari specifici, come Tac o Risonanza magnetica. «I tempi si allungano inevitabilmente e in maniera preoccupante - continua l’assessore - e se in un’ora si potrebbero fare quattro risonanze con la sanificazione si dimezzano. Per questo motivo ho chiesto a Cup e vertici della sanità di portare il resoconto dettagliato delle liste d’attesa: occorre riorganizzare il servizio tenendo conto delle misure antivirus e verificando anche l’età dei macchinari per provvedere a nuovi acquisti. Dopo 18 mesi di pandemia occorre affrontare la situazione in maniera sistemica. Non possiamo rinviare ancora». Soprattutto bisogna valutare caso per caso i pazienti con l’aiuto dei medici generici e specialisti, per verificare se nel periodo Covid le necessità assistenziali fossero cambiate. 

Le divergenze

Ci si può infatti trovare di fronte a diverse situazioni: pazienti le cui indagini cliniche sono state registrate al Cup come D o P, ma che poi, per il lungo trascorrere del tempo ed il bisogno assistenziale emergente si sono trasformate in urgenti (U) o brevi (B), oppure pazienti che, precedentemente prenotati come P (procrastinabili), oggi potrebbero avere la necessità di essere riclassificati diversamente in termini di priorità.

 

Ultimo aggiornamento: 15:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA