Con robot e cyber security si sviluppa l’industria 4.0: attiva la piattaforma che collega aziende innovative, due Atenei e la Fondazione Cluster Marche

L incontro che si è svolto alla Politecnica delle Marche
L’incontro che si è svolto alla Politecnica delle Marche
3 Minuti di Lettura
Lunedì 11 Aprile 2022, 03:20 - Ultimo aggiornamento: 15:08

ANCONA  - Ventitrè imprese tra le più innovative, due università - Camerino e Politecnica - e la Fondazione Cluster Marche hanno dato vita alla Piattaforma collaborativa Industria 4.0, il cui evento finale si è tenuto nella sede della Univpm a Montedago. Il progetto HD3FLab è nato a seguito dell’iniziativa della Regione Marche che, utilizzando il Fondo europeo di sviluppo regionale, ha deciso di promuovere lo sviluppo di quattro piattaforme tecnologiche di ricerca collaborativa, sviluppo ed innovazione negli ambiti della specializzazione intelligente. Il progetto si è sviluppato su 5 linee di intervento: due progetti di ricerca hanno permesso di sviluppare una nuova conoscenza e di sperimentarla attraverso casi d’uso industriali. 

Cratere o aree in crisi? Il dilemma della Zone economiche speciali che divide le Marche: ecco le mosse dell'assessore Castelli


Il primo era focalizzato sull’automazione di fabbrica, ed in particolare sulla Robotica Collaborativa, ed è stato guidato da Loccioni, impresa con competenze già importanti sulla tematica di riferimento. Il secondo riguardava tematiche di Ict, in particolare Edge computing, Data Mining e Cyber Security, ed è stato guidato da Filippetti SpA, azienda operante da anni nel settore e coordinatrice del programma di investimento. Meccano ha coordinato il progetto di trasferimento tecnologico, che ha consentito di implementare in 5 diversi contesti applicativi alcune importanti tecnologie di Industria 4.0, quali la realtà virtuale, la tracciabilità, la robotica collaborativa, il data mining.

Il Bando del 2017, riferito all’area tematica “progettazione integrata e user-centered”, poneva come obiettivo lo studio e lo sviluppo di sistemi ed approcci innovativi per la produzione flessibile, in accordo con i paradigmi della quarta rivoluzione industriale. Nella primavera del 2018 una compagine di 23 aziende private ed Enti pubblici, con capofila Filippetti Spa. ed il coordinamento scientifico dell’Università Politecnica delle Marche, ha presentato il progetto HD3FLab, rivolto alle applicazioni caratterizzanti il tessuto industriale ed artigianale marchigiano quali ad esempio il mobile, la calzatura, l’abbigliamento e la meccanica.

L’idea di fondo del progetto, poi sviluppato negli anni 2018-2022, era studiare soluzioni attraverso le quali il sistema di produzione potesse garantire la necessaria efficienza nella realizzazione di piccoli lotti e prodotti personalizzati e dove l’uomo e la tecnologia convivano in modo efficace. L’obiettivo generale della Piattaforma era strutturare e rendere stabile nel tempo una collaborazione sinergica ed efficace tra mondo delle imprese e mondo della ricerca, all’interno della Regione Marche, sul tema Industria 4.0 ed in particolare sulle tecnologie abilitanti per la produzione flessibile e personalizzata. Il centro dell’intero progetto HD3FLab è stata la creazione del Laboratorio i-Labs Industry, nato negli spazi messi a disposizione dal Comune di Jesi, con lo scopo di mettere a punto e testare le ricerche sviluppate nel progetto e di permettere alle aziende del progetto di sperimentare le tecnologie di Industria 4.0. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA