Nuova Aerdorica, definita la strategia: «Sul dissesto sfiorato all'aeroporto siamo pronti a costituirci parte civile»

Sabato 22 Maggio 2021
L'aeroporto Sanzio

ANCONA  -  Aerdorica «prende atto delle notizie apparse sulla stampa locale» di una nuova inchiesta della Procura di Ancona con 29 indagati e «augura buon lavoro alla magistratura ed agli organi inquirenti». Lo si legge in una nota della società di gestione dell’Aeroporto delle Marche.

Superbonus e non solo, ecco il risveglio del mattone: +11% da ottobre 2020. «Ma mancano gli operai»

 

Aerdorica spa e il suo attuale management «sono del tutto estranei alle vicende in oggetto ma si riservano di costituirsi parte civile nell’eventuale processo» sottolinea la nota. Proprio ieri infatti si è saputo dell’avviso di conclusione indagini inviato dalla Procura di Ancona ai 29 ex dirigenti o sindaci revisori che hanno fatto parte della governance della società concessionaria dell’aeroporto delle Marche Raffaello Sanzio tra il 2008 e il 2017. Per tutti c’è l’accusa di bancarotta fraudolenta e per 27 l’ipotesi di reato di peculato. Secondo il sostituto Paolo Gubinelli in quegli anni l’attività di Aerdorica è stata caratterizzata da distrazione di fondi, dissipazione di risorse pubbliche, operazioni dolose e spese eccessive rispetto ai ricavi.

Ultimo aggiornamento: 08:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA