L'assessore delle Marche Bora eletta responsabile Ppe per la coesione europea: «Settennato fondamentale»

Giovedì 14 Maggio 2020
L'assessore delle Marche Bora eletta responsabile Ppe per la coesione europea: «Settennato fondamentale»

BRUXELLES - L'assessore alle Politiche comunitarie della Regione Marche, Manuela Bora, che oggi è stata eletta coordinatrice del Partito socialista europeo (Pse) per la commissione Politica di coesione territoriale e bilancio dell'Ue (Coter) del Comitato europeo delle Regioni (CdR). "Il prossimo settennato sarà un'opportunità da cogliere, bisognerà lavorare", in particolare sul tema della nuova politica di coesione europea. Così  "Le regioni e le città giocano un ruolo importante" all'interno della politica di coesione, su cui le istituzioni comunitarie stanno negoziando i nuovi regolamenti 2021-2027. "In genere le regioni e le città amministrate dal gruppo socialista hanno mostrato maggiore sensibilità su argomenti come il Green deal o le tematiche di genere", sottolinea Bora.

LEGGI ANCHE:
Nelle Marche già 15 donatori di plasma, ma non Bertolaso: «L'obiettivo è dimezzare la mortalità Covid»

Parrucchiere ed estetiste nella giungla dei doppi protocolli: «E noi a chi diamo retta?»


L'elezione dell'assessore, incinta del suo secondo figlio, in un ruolo strategico per il Pse è anche un segnale positivo di fiducia proprio nel campo delle tematiche di genere. "La maternità è potenza, non è una malattia", sottolinea Bora, "credo che le donne possano portare anche in Europa le difficoltà nel conciliare tempi di vita e di lavoro, e ci sono regioni che hanno saputo dare risposte eccellenti".

© RIPRODUZIONE RISERVATA