Liste d’attesa, ripartono tutte le visite di controllo: ecco quali saranno criteri e procedure

Lunedì 8 Giugno 2020 di Maria Teresa Bianciardi
Liste d attesa, ripartono tutte le visite di controllo: si procede per priorità

ANCONA  - Quando la curva dei contagi ha iniziato a scendere l’impegno delle aziende del Servizio sanitario regionale si è concentrato sul ripristino delle agende (prenotazioni e presa in carico) e sulla rimessa in opera delle liste di garanzia che in questi giorni si sta sperimentando sul campo. Come? «Evitando di procedere in modo burocratico con la semplice “rimessa in coda” delle richieste - spiega la Regione Marche in una nota -, ma rivalutando le singole situazioni per garantire a ciascuno il servizio nei tempi e nelle modalità più appropriati». Nel corso dell’emergenza Covid la Regione ha garantito a tutti i cittadini gli accessi alle prime visite ed esami diagnostici strumentali urgenti (categoria U, da eseguire in 72 ore) e brevi (B, 10 giorni), mentre erano state sospese le prestazioni di tipo D (30 giorni per le visite e 60 giorni per gli esami diagnostici) e le P (visite ed esami da effettuare entro 180 giorni). 


LEGGI ANCHE:

Salvini: «Contento di essere domani nelle Marche. Pronto ad ascoltare tutti»
 
A fine aprile invece, il servizio sanitario ha deciso di riattivare a partire da giugno le prestazioni di tipo D e P, insieme con il percorso di presa in carico previsto dalle delibere di giunta regionale per le patologie croniche. «È stato chiesto ai professionisti (cardiologi, oncologi, neurologi), di richiamare i propri pazienti i cui follow-up, se non urgenti, erano stati sospesi nella riprogettazione dei servizi attuata per far fronte all’emergenza», scrive la Regione Marche. La decisione è stata assunta dai tecnici della sanità e dal Gores di concerto con le direzioni generali aziendali degli enti del Servizio sanitario regionale e con le principali organizzazioni sindacali dei medici di medicina generale. «Tutto ciò - afferma la dirigente del servizio Sanità della Regione Marche, Lucia Di Furia - comporta un necessario rodaggio delle nuove agende, che potrà protrarsi ancora per alcune settimane. Nulla è più come in era pre Covid. Le scelte relative ai tempi di ripartenza e alle misure organizzative, effettuate con i principali prescrittori ed unici interlocutori a mio avviso competenti, i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta, sono state compiute con la finalità di evitare un atteggiamento burocratico ed automatico di rimessa in coda delle situazioni sospese, valutando caso per caso i pazienti per verificare se nel periodo Covid le necessità assistenziali fossero cambiate». 

Il rischio infatti era di trovarsi di fronte a diverse situazioni: pazienti le cui indagini cliniche erano state comunque evase nei tre mesi precedenti, registrate al Cup come D o P, ma che poi, per il lungo trascorrere del tempo ed il bisogno assistenziale emergente si sono trasformate in urgenti (U) o brevi (B). Oppure pazienti Covid 19 positivi che hanno avuto bisogno di ricoverarsi ed i cui approfondimenti diagnostici anche non direttamente legati al Covid sono stati effettuati nel corso del ricovero. «Infine - spiega la dottoressa Di Furia - pazienti non Covid 19 che hanno avuto bisogno di ricoverarsi per problemi clinici di emergenti e urgenti, anche legati al motivo per cui era stata richiesta la prestazione ambulatoriale». Ma il ritorno alla normalità sarà comunque lento visto che attualmente visite e diagnostica strumentale, condotte in sicurezza, possono risentire di una tempistica diversa.

«È il tempo di soluzioni avanzate e innovative - aggiunge Massimo Magi, segretario Regionale della Federazione italiana medici di medicina generale (Fimmg) Marche - di maggiore modernità e prossimità dell’assistenza, come ad esempio la prescrizione e la immediata prenotazione delle prestazioni nello studio del medico di famiglia, che garantisce al cittadino di avere tempestivamente e senza ulteriori attese, o spesso inutili passaggi, l’appuntamento per le necessarie visite ed esami diagnostici prescritti dal proprio medico. Questa soluzione è già presente nei programmi informatici dei medici di famiglia e potrà essere applicata a breve, poiché è imminente l’avvio della sperimentazione sulla prenotazione nei loro studi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA