La linea ferroviaria Fabriano-Pergola riparte e sui binari un treno d’epoca

Sabato 18 Settembre 2021 di Maria Teresa Bianciardi
I lavori per riattivare la tratta Fabriano-Pergola

ANCONA  - Un treno d’epoca percorrerà i 31 chilometri di strada ferrata che uniscono Fabriano a Pergola, inaugurati il 28 aprile 1895 e chiusi definitivamente - dopo varie vicissitudini - il 13 novembre 2013. Il convoglio, della prima metà del Novecento e ancora perfettamente funzionante, è stato messo a disposizione dalla Fondazione Fs Italiane alla Regione Marche che attiverà così il primo progetto pilota di turismo storico, culturale ed enogastronomico riutilizzando i binari di quella che sarebbe dovuta diventare una parte importante della “Subappennina Italica” ma che nei fatti non è stata mai realizzata.

 

Mercoledì invece l’assessore regionale alle Infrastrutture Francesco Baldelli, presenterà questo percorso sperimentale che utilizzerà proprio quei binari dismessi per promuovere le bellezze del territorio, tra cultura, arte e degustazioni enogastronomiche.


La delibera è stata approvata dalla giunta nei giorni scorsi: «L’offerta turistica realizzata dalla Regione Marche in collaborazione con la Fondazione Fs rappresenta un’opportunità per il turismo interno e di prossimità - si legge -, che attraverso una formula innovativa di turismo ferroviario alla scoperta del territorio, permette lo sviluppo di un turismo sostenibile, la decongestione dei flussi dei grandi centri e la destagionalizzazione della domanda». Il progetto è ambizioso e il governo marchigiano ha messo in conto circa 75mila euro per il noleggio del convoglio, il trasporto e il pacchetto turistico: per quest’ultimo la giunta prevede di individuare un soggetto incaricato con comprovata esperienza, mediante apposita procedura di affidamento del servizio.


«La sinergia tra il settore turistico e quello del trasporto pubblico - continua il documento - è un fattore rilevante per avviare la ripresa e sostenere la crescita attraverso la promozione di una mobilità sostenibile, a basso impatto ambientale, valorizzando al contempo il patrimonio culturale e ricettivo esistente in Regione anche attraverso iniziative di incremento della mobilità sostenibile e di qualificazione del servizio di trasporto pubblico in ambito ferroviario». All’incontro di mercoledì mattina interverranno l’assessore regionale alle Infrastrutture Francesco Baldelli e il direttore generale di Fondazione Fs Italiane Luigi Francesco Cantamessa. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA