Salaria, Orte-Falconara e Fano-Grosseto: arrivano tre commissari per sbloccare le incompiute. Ecco chi sono

Giovedì 21 Gennaio 2021 di Andrea Taffi
Salaria, Orte-Falconara e Fano-Grosseto: arrivano tre commissari per sbloccare le incompiute

ANCONA - Sembrava smarrito nelle nebbie della crisi di governo e invece l’elenco dei commissari per le Grandi opere promesso nel decreto Semplificazioni è spuntato nella tarda serata di ieri. Il presidente del consiglio Conte ha infatti firmato il documento poi inviato alla Camera per l’esame nelle commissioni.

LEGGI ANCHE:

All’interno i nomi di tutti i commissari per i cantieri strategici individuati a livello nazionale. Tre i nomi che interessano le Marche. Il potenziamento della linea ferroviaria Orte-Falconara sarà nelle mani di Vincenzo Macello, direttore investimenti nazionale di Rfi. 

 

L’arteria stradale

La E78, l’arteria stradale Fano-Grosseto avrà come punto di riferimento Massimo Simonini, attuale presidente Anas. Invece il raddoppio della Salaria nel tratto che va da Ascoli fino al raccordo anulare verrà guidata da Fulvio Soccodato, responsabile manutenzione straordinaria di Anas e soggetto attuatore per il coordinamento degli interventi di messa in sicurezza e di ripristino della viabilità nell’area del terremoto. 

Le fotografie aggiornate

Le nomine portano con sé le fotografie aggiornate dei progetti persi nei meandri della burocrazia, di appalti interrotti per il fallimento delle aziende oppure semplicemente messi da parte perché troppo costosi. Sicuramente la ferrovia è la parte più onerosa: la Orte-Falconara secondo i calcoli degli ingegneri di Rfi costerà all’incirca 3,7 milioni di euro. In questo progetto la parte più ingombrante è il tratto Foligno-Fabriano che allo stato attuale aspetta ancora il progetto di fattibilità con un costo stimato di quasi 2. miliardi. Il segmento invece più vicino alla realizzazione è la Spoleto-Terni che costerà 572 milioni di euro e che è ormai alla progettazione definitiva. Questo cantiere viene considerato appaltabile entro la fine dell’anno. Per quanto riguarda invece la Fano Grosseto il tratto umbro-marchigiano conta 84 km tutti in fase di progettazione e ricompresi nel contratto di programma 2016-2020 per 1’importo aggiornato di 1,7 miliardi di euro da spalmare su 14 lotti. È anche notizia di ieri lo sblocco del progetto per la galleria della Guinza a senso unico alternato. Via libera dunque dalla commissione gallerie e progetto che passa al Consiglio superiore dei Lavori Pubblici.

La progettazione definitiva

In caso di disco verde ci sarà la progettazione definitiva e si pensa che l’adeguamento possa essere appaltabile entro la fine dell’anno. Infine per quanto riguarda la Salaria il progetto si compone di due fasi il primo vede una serie di interventi di adeguamento per circa 190 milioni di euro. Nella seconda fase invece verranno realizzati raddoppio e varianti di tracciato che nel Lazio coinvolgono almeno quattro segmenti tra il raccordo anulare e il confine con le Marche. Nella nostra terra invece sono previsti 400 milioni di investimento per rendere a scorrimento veloce il tratto fra Ascoli Piceno e il confine con il Lazio. 

 

Ultimo aggiornamento: 10:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA