Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Marche in lutto, si è spento Valeriano Trubbiani

Marche in lutto, si è spento Valeriano Trubbiani
Marche in lutto, si è spento Valeriano Trubbiani
2 Minuti di Lettura
Sabato 29 Agosto 2020, 18:47 - Ultimo aggiornamento: 22:34

ANCONA  - Un giorno triste per le Marche.  Lo scultore maceratese Valeriano Trubbiani è morto ad Ancona, sua città d'adozione, a 82 anni dopo una lunga malattia. Dopo gli inizi come pittore nell'ambiente artistico romano, aveva cominciato a realizzare sculture in metallo nell'officina di ferraio del padre, che lo portarono alla Biennale dei giovani artisti a Parigi del 1963, poi alla Biennale di San Paolo del Brasile nel 1965 e alla Biennale di Venezia del 1966. Noto per l'immagine ricorrente del rinoceronte, si è dedicato agli animali in generale e alle cosiddette macchine belliche. Sue le scenografie relative ai rinoceronti di 'E la nave va di Fellini, le installazioni di uccelli a Recanati per le celebrazioni leopardiane. Le sue opere sono in tutto il mondo, molte ad Ancona, come il gruppo Mater amabilis in piazza Pertini, il sipario tagliafuoco del Teatro delle Muse, piccole sculture al Museo Tattile Omero e in Pinacoteca, all'Università Politecnica delle Marche. È citato in un libro del premio Nobel José Saramago.

© RIPRODUZIONE RISERVATA