Regione Marche, il centrodestra
all'attacco della giunta Ceriscioli

Lunedì 14 Settembre 2015
Un momento della conferenza stampa

ANCONA - Tutto il centrodestra contro la giunta regionale guidata da Luca Ceriscioli.

"La Giunta Ceriscioli ha approvato 284 delibere, ma si tratta solo di atti amministrativi per l'ordinaria amministrazione, non di provvedimenti che portano un cambiamento reale".

È il severo giudizio dell'opposizione di centrodestra, alla vigilia della ripresa dell'attività politica con la prima riunione dell'Assemblea legislativa delle Marche, domani, dopo la pausa estiva. Dito puntato - da parte di Sandro Zaffiri (Lega nord), Jessica Marcozzi e Piero Celani (Fi), Elena Leonardi (Fdi-An) e Mirco Carloni (Marche 2020-Ap) - contro

l'esecutivo che non ha affrontato "l'emergenza lavoro e quella del credito alle Pmi", ma neanche anche altri nodi come la sanità, le infrastrutture, la vicenda Banca Marche "che mette a rischio non solo i dipendenti ma anche azionisti e risparmiatori", Aerdorica. Quanto al ripristino del fondo

sociale, "è stata reperita la metà della somma necessaria".

Intorno alla critica alla Giunta regionale si consolida il ricompattamento di Lega, Fi, Fdi-An e Marche 2020-Ap: "I problemi dei marchigiani, ai quali non viene data risposta, sono il nostro collante".

Ultimo aggiornamento: 18:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA