Acquaroli saluta il Giro d'Italia: «Marche sinonimo di bellezza e accoglienza»

Giovedì 13 Maggio 2021
Acquaroli saluta il Giro d'Italia: «Marche sinonimo di bellezza e accoglienza»

Il presidente Francesco Acquaroli ha salutato con entusiasmo la tappa marchigiana del Giro d'Italia. una tappa che unisce diversi luoghi simbolici, dalle Grotte di Frasassi nel cinquantesimo 'anniversario della loro scoperta, ai luoghi martoriati dal terrmoto del 2016.

Stagione sciistica cancellata dal Covid: 4 milioni per la montagna nelle Marche, esulta la Lega

"Oggi è una giornata importante all’insegna dello sport, del divertimento e della spensieratezza. Festeggiamo l’anniversario di una scoperta straordinaria per la nostra regione che ha fatto di Genga uno dei luoghi di riferimento delle bellezze italiane e lo facciamo in concomitanza con la tappa del Giro d’Italia. Seguendo la carovana dei “girini” i riflettori saranno puntati sul nostro entroterra e sulle sue numerose attrattive: dai paesaggi alla cultura, dall’enogastronomia alle manifatture degli artigiani. Le Marche sono l’unica regione che si declina al plurale ma sono anche sinonimo unico di bellezza e grande capacità di accoglienza”.

Con queste parole il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli ha salutato l’avvio della 6^ tappa del Giro d’Italia edizione 104 a Genga. La carovana infatti, dalle Grotte di Frasassi, attraversando il cuore della regione ed i territori colpiti dal sisma, per ben 160 km, di cui 17 in salita, taglierà il traguardo ad Ascoli Piceno, in particolare a Colle San Giacomo, al confine tra il Piceno e l’Abruzzo. Una tappa tecnicamente impegnativa e dal significato storico per le Marche. L’iniziativa, infatti, è in concomitanza con la ricorrenza del 50° anniversario della scoperta delle Grotte di Frasassi (1971-2021). A sottolineare l’importanza dell’evento insieme al presidente Acquaroli erano presenti, tra gli altri, i sindaci dei Comuni di partenza e di arrivo: rispettivamente Marco Filipponi per Genga e Marco Fioravanti per Ascoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento