Fioravanti record, Biancani a valanga e Fano vira a destra. Ballottaggio a Urbino, Osimo e Recanati

Fioravanti record, Biancani a valanga e Fano vira a destra. Ballottaggio a Urbino, Osimo e Recanati
Fioravanti record, Biancani a valanga e Fano vira a destra. Ballottaggio a Urbino, Osimo e Recanati
di Lolita Falconi
4 Minuti di Lettura
Martedì 11 Giugno 2024, 02:05 - Ultimo aggiornamento: 12 Giugno, 08:39

ANCONA Ricca di spunti la sfida nei Comuni delle Marche. Detto che fosse piuttosto pacifico il risultato (clamoroso solo per la percentuale bulgara: 75%) di Ascoli Piceno a favore del centrodestra di Marco Fioravanti, e di Pesaro fortino del centrosinistra dove Andrea Biancani riesce a vincere al primo turno, i fari erano puntati in questa tornata su Fano e Osimo. Nel primo caso la vittoria è andata al primo turno di Luca Serfilippi, 36 anni, alla guida del centrodestra unito. Il candidato del centrosinistra Cristian Fanesi ha riconosciuto la sconfitta affermando che questo risultato è la conseguenza del campo largo diviso.

A Osimo servirà invece il ballottaggio ma il centrosinistra chiude il primo turno in vantaggio con Michela Glorio, insegue Francesco Pirani del centrodestra.

Ballottaggio anche a Urbino e Recanati. 


Il centrosud


Ma andiamo nello specifico. Ad Ascoli tutto secondo previsioni. Il meloniano Marco Fioravanti farà il bis spinto da oltre il 70 per cento dei consensi, risulta uno dei sindaci più votati d’Italia. Non c’è partita per lo sfidante di centrosinistra Emidio Nardini. Difende invece le sue roccaforti il centrosinistra in diversi comuni simbolo della vallata del Tronto. Ad Offida, patria dell’ex parlamentare Luciano Agostini, il sindaco sarà Luigi Massa. Sempre centrosinistra a Folignano dove farà il bis Matteo Terrani.

A Cupra Marittima vince la continuità con Alessio Piersimoni mentre è targata centrosinistra la giunta di Monteprandone con sindaco Sergio Loggi. Una curiosità: a Comunanza termina l’era dell’imprenditore Alvaro Cesaroni che è uscito sconfitto dalle elezioni e passa lo scettro a Domenico Sacconi. Sul fronte maceratese a Recanati sarà ballottaggio tra il centrodestra di Emanuele Pepa e il sindaco uscente Antonio Bravi alla guida di una coalizione di centrosinistra.

Non c’è stata partita a Potenza Picena, l’Ohio delle Marche, paese del governatore Acquaroli, dove la sindaca uscente Noemi Tartabini ha riconquistato il Comune prevalendo su Mario Morgoni, ex parlamentare del Pd ed ex sindaco. A Cingoli Michele Vittori, sindaco uscente di centrodestra, ha sconfitto l’ex direttore dell’Av3 Alessandro Maccioni che correva con il centrosinistra. Anche a Matelica vince la continuità: Denis Cingolani proseguirà nel solco tracciato dal suo predecessore Massimo Baldini. Nei Comuni del cratere da segnalare la vittoria dell’ex presidente della Roma Calcio Rosella Sensi a Visso che ha superato l’ex parlamentare Giuliano Pazzaglini. Sarà il sindaco del paese come lo furono il padre Franco e il nonno Silvio. A Treia l’ex commissario del terremoto Piero Farabollini esce sconfitto dalla sfida con Franco Capponi che resta sindaco.

A Montecosaro e Monte San Giusto vince la continuità con Lorella Cardinali e Andrea Gentili. In provincia di Fermo la notizia del giorno è la caduta del fortino rosso Monte Urano: sconfitta Moira Canigola, il nuovo primo cittadino è Andrea Leoni, civico di area centrodestra, spinto da Fratelli d’Italia e Lega. Ribaltone a Monsampietro Morico dove la sindaca uscente Romina Gualtieri lascia lo scranno in favore di Andrea Claudi. Per il resto vince quasi ovunque la continuità. A Falerone ancora Armando Altini come pure si conferma a Grottazzolina l’uscente Alberto Antognozzi. 


Il centronord


A Pesaro vince a valanga Andrea Biancani alla guida della coalizione di centrosinistra trascinato dalla clamorosa affermazione alle Europee dell’ormai ex sindaco Matteo Ricci. A Vallefoglia confermato per il terzo mandato Palmiro Ucchielli, 74 anni, ex senatore e presidente della provincia di Pesaro Urbino, già sindaco di Colbordolo (Comune che poi si è fuso con Sant'Angelo in Lizzola, dando alla luce Vallefoglia) nel 1977, che stravince con il 58,94% dei voti.

A Urbino servirà il ballottaggio. In corsa Maurizio Gambini del centrodestra che chiude in vantaggio il primo turno e Federico Scaramucci del centrosinistra. Di Fano s’è detto della virata a destra dopo la parentesi (durata dieci anni) del centrosinistra. Il neo sindaco Serfilippi, per incompatibilità, dovrà dimettersi dal Consiglio regionale lasciando lo scranno a Giovanni Dallasta, fuoriuscito dalla Lega. In provincia di Ancona, da segnalare la vittoria a Filottrano del sarto dei Vip Luca Paolorossi sostenuto da FdI e dai giovani della Lega. Sulla riviera del Conero gli uscenti con Gianluigi Tombolini e Filippo Moschella, entrambi di area centrodestra. A Genga Marco Filipponi (area centrodestra) riconquista il Comune. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA