Magazzini nelle Marche per i vestiti contraffatti importati dalla Tunisia: denunciato imprenditore, giro d'affari da 2 milioni

Mercoledì 15 Aprile 2020
Magazzini nelle Marche per i vestiti contraffatti importati dalla Tunisia: denunciato imprenditore, giro d'affari da 2 milioni

ANCONA - La Finanza di Torino ha sgominato una rete di distribuzione di capi contraffatti che aveva le sue basi, con magazzini di stoccaggio anche nelle Marche.

LEGGI ANCHE:
Pesaro, Mirko "Zagor" Bertuccioli muore a 46 anni: il fondatore dei Camillas ucciso dal Coronavirus

Nina, bloccata nell’isola messicana Holbox: «Il biglietto aereo per tornare è un miraggio»


Il network aveva la sua base logistica in Tunisia e da lì distribuiva migliaia di capi di abbigliamento dei marchi contraffatti più prestigiosi in tutta Italia. Per questo la Guardia di Finanza di Torino ha denunciato nei giorni scorsi per contraffazione di marchi e frode in commercio un imprenditore italiano, sequestrato oltre 50.000 tra accessori e capi di abbigliamento con il marchio contraffatto scoprendo un giro d'affari per oltre 2 milioni di euro.  Nel corso delle indagini, i finanzieri  hanno scoperto che  l'uomo importava illecitamente in Italia ingenti quantitativi di jeans e t-shirt falsi. Una volta in Italia la merce veniva nascosta all'interno di alcuni depositi nelle Marche, dove un suo incaricato compiacente provvedeva alla vendita per il tramite di alcuni broker.

© RIPRODUZIONE RISERVATA