Temperature da record, oggi bollino rosso per sei città delle Marche: ecco quali

Temperature da record, oggi bollino rosso per sei città delle Marche: ecco quali
Temperature da record, oggi bollino rosso per sei città delle Marche: ecco quali
di Martina Marinangeli
3 Minuti di Lettura
Lunedì 4 Luglio 2022, 03:15 - Ultimo aggiornamento: 5 Luglio, 08:22

ANCONA  - Nell’estate del caldo record, prepariamoci ad una giornata rovente. Oggi quasi tutte le Marche saranno investite da ondate di calore di livello 3, ovvero un’allerta da bollino rosso che indica condizioni meteorologiche a rischio persistenti per tre o più giorni consecutivi e mette in allarme i servizi sanitari e sociali.

Stando al bollettino diramato dalla protezione civile regionale, questo scenario tocca le città di Urbino, Ancona, Jesi, Fabriano, Macerata ed Ascoli Piceno. Va un po’ meglio - si fa per dire - a Pesaro, Fermo e San Benedetto del Tronto, che per oggi resteranno da bollino arancione (livello 2). In questo caso, come spiega il bollettino, «sono previste temperature elevate e condizioni meteorologiche a rischio, in particolare per i sottosistemi di persone suscettibili». 


La colonnina di mercurio
I picchi di caldo più alti vengono toccati a Fabriano e Macerata, dove la colonnina di mercurio schizza a 39 gradi, ma le alte temperature caratterizzeranno la giornata anche delle città di Jesi, Urbino ed Ascoli Piceno, dove ci si assesta sui 38 gradi. Di poco sotto, Pesaro con 37 gradi. Tra i capoluoghi, quello di Ancona registra una temperatura di 35 gradi, mentre a Fermo ne sono 36. 


Colpa di Caronte
A spingere verso l’alto il termometro del meteo è l’alito bollente di Caronte, l’anticiclone africano che ormai da giorni tiene le Marche strette nella sua morsa. Una perdurante condizione di tempo stabile caratterizzata anche da una pressoché totale assenza di precipitazioni, causa della crisi idrica che ha reso necessarie, già a giugno, quelle misure straordinarie di salvaguardia dell’acqua potabile che negli anni passati venivano introdotte solo ad agosto. 


Il calo
Sempre secondo il bollettino meteo della protezione civile, tuttavia, il fronte caldo potrebbe andare verso un progressivo indebolimento grazie all’azione delle perturbazioni attive sul nord Atlantico e sull’Europa centro settentrionale. Nella giornata di mercoledì è prevista «instabilità pomeridiana sulle vette più alte, con successivo peggioramento per l’ingresso di aria più fredda dal nord Atlantico».

© RIPRODUZIONE RISERVATA