Italia Viva e Azione, nelle Marche pronti Urbinati, Talè e Fagioli. In pole anche Fabbri e Calamita

Italia Viva e Azione, nelle Marche pronti Urbinati, Talè e Fagioli. In pole anche Fabbri e Calamita
Italia Viva e Azione, nelle Marche pronti Urbinati, Talè e Fagioli. In pole anche Fabbri e Calamita
3 Minuti di Lettura
Giovedì 18 Agosto 2022, 06:05 - Ultimo aggiornamento: 15:09

ANCONA Per Italia Viva e Azione nelle Marche è questione di ore. Il partito di Renzi si riunirà tra venerdì e sabato per definire le candidature a Camera e Senato, mentre quello di Calenda già nelle prossime ore potrebbe avere un quadro più chiaro degli uomini e delle donne da schierare alle Politiche del 25 settembre.

 
La divisione dei collegi
Fermo restando che alcuni nomi sono ormai già blindati e che è stata definita nella sostanza la spartizione dei collegi per l’uninominale alla Camera: ad Italia Viva vanno Pesaro e Fermo/Ascoli, ad Azione Ancona e Macerata. Per il Senato invece (sempre uninominale) Marche Sud spetta ad Italia Viva e Marche Nord ad Azione. Pronta la cornice ecco i nomi su cui i due partiti stanno puntando. Tra i renziani c’è Fabio Urbinati, sambenedettese e coordinatore regionale di Italia Viva: che potrebbe essere inserito alla Camera (Fermo/Ascoli) oppure al Senato (Marche sud). A Pesaro, alla Camera, invece spunta il nome dell’ex consigliere regionale Federico Talè. 


I politici in corsa 
Nel partito di Calenda, il coordinatore regionale di Azione Tommaso Fagioli, è proiettato alla Camera nel collegio di Ancona, mentre il sindaco di Appignano Mariano Calamita sarebbe il nome giusto da candidare alla Camera su Macerata. Per il Senato (Marche nord), invece, in corsa ci sarebbe Elena Fabbri avvocatessa pesarese in prima linea per i diritti dei minori e dei più deboli. Questi i nomi, al netto di cambiamenti all’ultimo minuto nel terzo polo, quello composto da Italia Viva e Azione dopo lo strappo con il Partito democratico. La definizione delle candidature nell’uninominale ma soprattutto dei listini è un’operazione delicata dove tutti i tasselli devono essere messi al posto giusto, con l’equilibrio delle quote rose in forza anche della rappresentanza territoriale. I partiti sono al lavoro, mancano pochi giorni all’ora x. Entro lunedì i giochi saranno fatti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA