Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il centrodestra schiera tre assessori regionali: Castelli, Carloni, Latini. Ecco tutti i candidati

Il centrodestra schiera tre assessori regionali: Castelli, Carloni, Latini. Ecco tutti i candidati
Il centrodestra schiera tre assessori regionali: Castelli, Carloni, Latini. Ecco tutti i candidati
di Martina Marinangeli
3 Minuti di Lettura
Sabato 20 Agosto 2022, 02:35

ANCONA - Si va ai tempi supplementari. La frenetica giornata di ieri non è bastata al centrodestra per chiudere definitivamente la partita campale delle candidature alle elezioni Politiche del 25 settembre. Se Lega e Forza Italia hanno le idee chiare su chi piazzare dove, Fratelli d’Italia sta facendo fatica a districare la matassa, soprattutto nei listini. Ma c’è anche la partita sul collegio Marche nord al Senato a tenere banco. Ieri gli incontri romani si sono susseguiti a ritmi forsennati ed il vertice delle 18 tra i quattro partiti della coalizione - Fratelli d’Italia, Carroccio, azzurri e Udc - è andato avanti fino a tarda sera. Un complicato gioco di incastri per arrivare alla sfida del 25 settembre con la miglior squadra possibile da schierare in campo. Partiamo dalle caselle definite.


 

Lega e Forza Italia
In casa Lega e Forza Italia, si diceva, il puzzle è ormai stato composto. Nei collegi uninominali della Camera, il Carroccio schiera il vicepresidente della Regione Mirco Carloni a Pesaro e l’assessora regionale Giorgia Latini a Macerata. Ed entrambi hanno ottime chance di essere eletti: il primo perché, dopo il suicidio del Pd in quel collegio, si è trovato davanti la strada spianata. La seconda perché Macerata è notoriamente blindata per il centrodestra: Latini tornerà dunque in Parlamento dopo due anni a Palazzo Raffaello, lasciando dietro di sé il nodo della quota rosa da mettere in giunta. Quanto ai plurinominali, nel listino della Camera il capolista sarà il commissario regionale del partito Riccardo Marchetti, mentre al Senato a guidare l’elenco sarà il deputato uscente Mauro Lucentini. Difficilmente la Lega riuscirà a far scattare più di un deputato e di un senatore nei plurinominali, quindi gli altri nomi che comporranno le liste (ancora da definire) saranno più che altro riempitivi. Quanto agli azzurri, il commissario regionale Francesco Battistoni è riuscito a tenersi stretto il collegio Fermo/Ascoli alla Camera - il feudo più blindato del centrodestra - nonostante il vespaio che questo piazzamento ha suscitato soprattutto nel Fermano. La sua rielezione in Parlamento è praticamente certa. L’altro posto con chance di scattare, quello di capolista alla Camera, è andato invece alla campionessa di scherma e sottosegretaria allo Sport Valentina Vezzali, entrata avvedutamente in Forza Italia giusto alla fine di luglio mentre i big del partito se ne andavano sbattendo la porta. 


Fratelli d’Italia
Ma la guest star di questa partita è Fratelli d’Italia che, con ogni probabilità, sarà il gruppo che riuscirà ad eleggere più parlamentari. Lo sa il vertice e lo sa la base: questo ha stimolato gli appetiti di molti, ma è impossibile riuscire a piazzare tutti. Dovrebbe essere ormai certa la candidatura della deputata uscente Lucia Albano all’uninominale Marche sud al Senato, mentre in quello di Ancona alla Camera, il nome più quotato a ieri era quello di Stefano Benvenuti Gostoli, segretario provinciale del partito di Giorgia Meloni. L’altro in lizza per questa casella è il capogruppo regionale Carlo Ciccioli, che però non ha mai fatto mistero di non gradire particolarmente quel posizionamento e preferirebbe essere capolista al Senato, Ed a proposito di listini, vero rompicapo per FdI, il borsino di ieri dava la coordinatrice regionale alla Camera Elena Leonardi capolista alla Camera, seguita dall’assessore regionale Guido Castelli. Con questo assetto, scatterebbero entrambi per un seggio in Parlamento. Ultimo ma non ultimo, il collegio Marche nord al Senato, andato al paracadutato Antonio De Poli, presidente nazionale dell’Udc, ma lo strascico di polemiche che ne è conseguito ha richiesto un supplemento di riflessione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA