Le Marche tornano in Europa con Ricci e Ciccioli. Anche Morani se la gioca. Dati definitivi: FdI al 32,9%, Pd al 25,5%

Carlo Ciccioli (FdI) e Matteo Ricci (Pd)
Carlo Ciccioli (FdI) e Matteo Ricci (Pd)
3 Minuti di Lettura
Lunedì 10 Giugno 2024, 09:31 - Ultimo aggiornamento: 11 Giugno, 06:03

ANCONA - Le Marche tornano ad essere rappresentate nel Parlamento europeo dopo più di 20 anni e con almeno due rappresentanti: l'ex capogruppo di Fratelli d'Italia in Consiglio regionale Carlo Ciccioli, psichiatra anconetano, e il sindaco uscente Pd di Pesaro Matteo Ricci, che hanno fatto il pieno di preferenze. Un ulteriore ingresso dalle Marche potrebbe scattare per il Pd, tra rinunce al seggio e se i resti premiassero la Circoscrizione di Centro, con l'ex sottosegretaria al Mise e deputata Alessia Morani, sempre espressione del Pesarese, che si gioca l'elezione all'Europarlamento sul filo di lana con il giornalista romano Marco Tarquinio.

I risultati definitivi

Fratelli d'Italia si conferma il primo partito nelle Marche e sfonda il muro del 30% (32,90%) con una crescita di oltre tre punti rispetto alle Politiche del 2022 (29,40%). Secondo partito nelle Marche, in netta crescita, è il Pd di Elly Schlein che ha ottenut il 25,50% (20,37% alle precedenti elezioni politiche). La Lega con l'8,19% supera di poco Forza Italia che si ferma al 7,01% ma i consensi sono in calo: non basteranno per l'elezione gli oltre 14mila voti all'ex assessore regionale ora deputato del Carroccio Mirco Carloni anche in considerazione del risultato del partito. I dem eleggeranno al Parlamento Europeo Matteo Ricci forte di oltre 83mila preferenze e potrebbero portare in Europa anche Alessia Morani (oltre 31mila voti). Il Movimento 5 Stelle, invece, registra un deciso calo rispetto al risultato precedente ma si attesta comunque come terzo partito delle Marche ottenendo con il 9,67% rispetto al 13,58%% delle Politiche del 2022. Alleanza Verdi e Sinistra supera la soglia di sbarramento con il 5,72% ed eleggerà nella circoscrizione di Centro almeno un parlamentare europeo. Deludente il risultato delle urne per Azione - Siamo Europei (3,31%); Stati Uniti d'Europa (2,84%); Pace Terra e Dignità (2,79%); Democrazia Sovrana Popolare (0,86%); Libertà (0,80%) e Alternativa Popolare (0,40%). 

MATTEO RICCI RADDOPPIA CARLO CICCIOLI

Con  9.204  su 11.829 sezioni scrutinate, il sindaco uscente di Pesaro Matteo Ricci è il marchigiano più votato nella circoscrizione dell'Italia Centrale ed è ormai nell'Europarlamento: fino ad ora ha ottenuto 84.560 preferenze ed è il terzo più votato dopo Schlein e Nardella.

L'altro big in corsa alle Europee, il consigliere regionale Carlo Ciccioli (Fratelli d'Italia) ne ha totalizzate 47.509, quasi raddoppiato dal suo competitor dem, ed è quarto dopo Meloni, Procaccini e Squarta. Anche per lui scatterà un seggio a Bruxelles. Anche a livello marchigiano la bilancia delle preferenze è più o meno la stessa. Ricci ha preso 51.916 ed è primo, seguito da Morani (16.420 preferenza) e Schlein con poco più di 15mila. Ciccioli ha preso 25.869 preferenze ed è secondo dopo la Meloni, anche in questo caso raddoppiato dal candidato pesarese.

L'ANALISI DEL DIRETTORE DEL CORRIERE ADRIATICO GIANCARLO LAURENZI

© RIPRODUZIONE RISERVATA