Per gli under 60 immunizzati ospedale 20 volte meno probabile. L’efficacia della doppia dose disaggregata età per età

Sabato 23 Ottobre 2021
Per gli under 60 immunizzati ospedale 20 volte meno probabile. L efficacia della doppia dose disaggregata età per età

ANCONA - I dati dell’incidenza di nuovi contagi e dei ricoveri ospedalieri nelle Marche sono confluiti in un monitoraggio condotto a livello nazionale dall’Istituto superiore di sanità per valutare l’efficacia dei vaccini nelle varie classi d’età.

 

 

Dall’analisi dei dati emerge che, partendo dagli ultra-ottantenni, su 100 mila non vaccinati nel mese di settembre si sono contagiati in 602, dei quali 245 ricoverati in ospedale e 13 in terapia intensiva. Su 100.000 vaccinati della stessa fascia di età se ne sono infettati 116, ne sono finiti in ospedale 28 e solo uno in rianimazione. Nella fascia d’età 12-39 anni il bilancio su 100mila non vaccinati è stato di 692 contagi, 25 ospedalizzati e 1 ricovero in terapia intensiva. Fra i vaccinati con due dosi parì età i contagiati sono stati 110, con un solo ricovero e 0,05 in terapia intensiva. Tra i 40-59 anni non vaccinati si sono infettati in 540 contro i 113 nella platea dei vaccinati, in ospedale 54 contro 2, in rianimazione 6 contro 0,13. Tra i 60-79enni si contagiano in 449 contro 94, vanno in ospedale 107 contro 7, in terapia intensiva 20 contro 1. Trovando una sintesi: per gli under 60 il rischio di essere ricoverato per Covid è venti volte più alto per un non vaccinato, quindici volte maggiore per un 60-79 enne, e nove volte di più per un over 80. Il report dell’Istituto superiore di Sanità segnala che a livello nazionale l’età mediana (il valore intermedio fra i due estremi del campione) dei vaccinati con doppia dose che finiscono in ospedale è di 79 anni, valore che scende a 52 anni per i non vaccinati. In terapia intensiva siamo a 61 anni per i non vaccinati e 74 dei vaccinati. 


l. s.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 10:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA