Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Domenica festa delle Pro Loco Marche
La forza di sedicimila soci volontari

Domenica festa delle Pro Loco Marche La forza di sedicimila soci volontari
3 Minuti di Lettura
Martedì 2 Dicembre 2014, 14:29 - Ultimo aggiornamento: 8 Febbraio, 18:52
LORETO - Domenica prossima Loreto ospiterà la prima “Giornata delle Pro Loco” promossa dall'Unpli Marche.







L'Assemblea legislativa dedica un volume alle 220 associazioni marchigiane che contano 16mila soci volontari



La prima Pro Loco in Italia risale al 1881. Da allora questa forma di aggregazione fondata sul volontariato e sul'amore per il territorio ha raccolto un numero sempre crescente di soci, fino ad arrivare oggi a 600mila volontari.



Nelle Marche le Pro Loco sono 220 e coinvolgono oltre 16mila soci. Per la prima volta domenica 7 dicembre queste associazioni si riuniranno a Loreto per celebrare la "Giornata delle Pro Loco". L'iniziativa, presentata questa mattina a Palazzo Leopardi, è stata promossa dall'Unpli Marche (Unione nazionale Pro Loco d'Italia), in collaborazione con l'assemblea legislativa, ed è dedicata a tutti coloro che con dedizione svolgono un compito prezioso per le comunità locali.



“Il mondo dell'associazionismo nelle Marche ricopre un ruolo insostituibile, alimentando il dinamismo delle comunità locali e applicando il principio della sussidiarietà – ha affermato il presidente del Consiglio regionale Vittoriano Solazzi – Le Pro Loco hanno un ruolo fondamentale. Garantiscono una vera e continua attività di accoglienza e di promozione turistica, senza di loro scomparirebbero decine di iniziative che recuperano le tradizioni, la storia, la cultura della nostra regione”.



“La festa delle Pro Loco – continua Solazzi - è un'occasione in cui la comunità marchigiana si stringe attorno a questo mondo fatto di volontari compententi e appassionati”. L'assessore regionale all'agricoltura e all'ambiente Maura Malaspina definisce le Pro Loco “cuore pulsante dei paesi e fiore all'occhiello delle amministrazioni comunali”. Ma le invita a fare “un'evoluzione culturale, eliminando le sagre che promuovono prodotti che non rappresentano le realtà locali e le eccellenze marchigiane”.



Il programma, descritto dal Presidente di Unpli Marche Mario Borroni, si apre alle 10 con la sfilata della banda musicale di Loreto, con i sindaci e i gonfaloni dei comuni, i presidenti e i soci delle Pro Loco. All'evento partecipa Monsignor Giovanni Tonucci, Arcivescovo di Loreto e delegato pontificio per il santuario, che alle 11 celebrerà la S. Messa in Basilica. Interverranno le rappresentanze di ogni comune in abiti tradizionali folcloristici, il Gruppo Storico Tamburi e Sbandieratori” di Offagna e il gruppo “Ortensia” di Ortezzano.



Nel corso dell'evento, ha ricordato il presidente della Pro Loco di Loreto Delio Droghetti, sarà anche possibile accedere ai camminamenti di ronda sopra la Basilica, i corridoi sopra le mure percorsi dai cavalieri di guardia nel XVI secolo. Alla conferenza stampa era presente anche la consigliera regionale Graziella Ciriaci.







Leggi Corriere Adriatico per una settimana gratis - Clicca qui per la PROMO

© RIPRODUZIONE RISERVATA