La lettera choc del direttore scolastico delle Marche agli studenti: «Ispiratevi a chi andò al fronte»

Venerdì 6 Novembre 2020 di Martina Marinangeli
La lettera choc del direttore scolastico delle Marche agli studenti: «Ispiratevi a chi andò al fronte»

ANCONA - C’è la Storia, con la “s” maiuscola. E poi c’è la storia, quella di giornata, che racconta di un nostalgico messaggio in ricordo dei giovani caduti nella Prima guerra mondiale finito nel mirino di un’aspra polemica assurta agli “onori” della cronaca nazionale.

LEGGI ANCHE:

Spesa, spostamenti, bar, sport e tutto quel che serve per capire cosa è permesso e cosa non si può fare con il coprifuoco: ecco le 20 situazioni chiave

Tony e la sua famiglia, un mese e mezzo di lotta contro il Covid: «Vedo comportamenti e sento parole inaccettabili»

Il messaggio, diventato virale sui social, è quello contenuto in una comunicazione agli studenti marchigiani inviata dal direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale Marco Ugo Filisetti in occasione della ricorrenza del 4 novembre.

 

Nota che recita così: «Il nostro reverente pensiero va a tutti i figli d’Italia che dettero la loro vita per la Patria, una gioventù che andò al fronte e là rimase. Una gioventù lontana dai prudenti, dai pavidi, coloro che scendono in strada a cose fatte per dire: “Io c’ero”. Giovani che vollero essere altro, non con le declamazioni, ma con le opere, con l’esempio consapevoli che “un uomo è vero uomo se è martire delle sue idee. Non solo le confessa e le professa, ma le attesta, le prova e le realizza”. Combatterono per dare un senso alla vita, alla vita di tutti, comunque essi la pensino. Per questo, quello che siamo e saremo lo dobbiamo anche a Loro e per questo ricordando i loro nomi sentiamo rispondere, come nelle trincee della Grande Guerra all’appello serale del comandante: PRESENTE!».
Parole che hanno scatenato una bufera tale da arrivare alla richiesta di dimissioni del direttore, giunta da più parti. Se l’Anpi ha parlato di «retorica bellicista, intrisa di nazionalismo», la Cgil ha stigmatizzato «l’evocazione della guerra come fabbricatrice di senso della vita». Ma pesanti bordate sono piovute anche dal Garante dei diritti Andrea Nobili, che invita a ricordare agli studenti «di ragazzi mandati al massacro, nell’indifferenza degli alti comandi», e da molti politici, che hanno espresso sdegno per le parole di Filisetti: tra gli altri, il capogruppo regionale dem Maurizio Mangialardi, l’ex presidente dell’assemblea legislativa della Marche Antonio Mastrovincenzo e l’ex consigliere regionale di Articolo 1, Gianluca Busilacchi. 

E sono pronte tre interrogazioni parlamentari - dei dem Francesco Verducci e Mario Morgoni, e dal portavoce nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni - al Miur di Lucia Azzolina affinché intervenga. Diplomatico il commento dell’assessora regionale all’Istruzione Giorgia Latini: «La lettera non è da interpretare come un’incitazione ad andare sui campi di battaglia, ma portare avanti le proprie idee senza farsi intimorire. Se la leggiamo così, può essere un bel messaggio. Sta a ognuno interpretarla in modo positivo o più estremo, come fatto sui social».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA