Lettini in spiaggia, montagna, piscina, cinema, teatro, estetiste e parrucchiere, ristoranti e sale slot: attenzione a date e nuove regole

Sabato 22 Maggio 2021
Lettini in spiaggia, montagna, piscina, cinema, teatro, estetiste e parrucchiere, ristoranti e sale slot: attenzione a date e nuove regole

A grandi passi verso le prossime riaperture. Dopo lo spostamento del coprifuoco dalle 22 alle 23, dal 7 giugno, secondo il cronoprogramma, si potrà uscire di casa fino a mezzanotte per poi eliminare del tutto il coprifuoco a partire dal 21 giugno, se il calo dei contagi continuerà seguendo l’attuale trend al ribasso. Per bar e ristoranti il cronoprogramma prevedeva già che dal primo giugno fossero consentite anche le consumazioni al tavolo non solo nei dehors ma anche al chiuso, dalle 5 del mattino fino alle ore 18.

L'epidemia in ritirata dalle Marche, ma la zona bianca Covid non è ancora all'orizzonte

Poi da pochi giorni la novità: riapertura dei ristoranti al chiuso anche la sera, sempre a partire dal primo giugno. Da quella data sarà possibile anche consumare un caffè al bancone. Intanto, proprio giovedì scorso la conferenza Stato Regioni ha licenziato le nuove linee guida aggiornate per la riapertura delle attività economiche e sociali. In attesa di conoscere il via libera per le discoteche.

Settore per settore, ecco le nuove regole

 

 

 

LA RISTORAZIONE
Self service con i monodose. Porta abiti nei guardaroba

 

Per gli esercizi di somministrazione di pasti e bevande, dai ristoranti ai selfservice fino ai catering, distanza di un metro estendibile a due a meno che non ci siano dispositivi di separazione. I menu dovranno essere esibiti tramite soluzioni digitali. Ai buffet dovrà stazionare personale addetto, i clienti non possono toccare quanto esposto. Self service sì ma solo coni monodose. Sì ai guardaroba ma con sacchetti portabiti. 

 

LE SPIAGGE
La disinfezione dei lettini a ogni cambio di persona

Nelle spiagge organizzate la distanza tra ombrelloni dovrà garantire una superficie di almeno 10 mq per ogni ombrellone. Per lettini, sedie a sdraio - fuori dagli ombrelloni - va garantita una distanza di almeno 1 metro. Prescritte pulizia e disinfezione frequenti delle aree comuni. Disinfezione dei lettini a ogni cambio di persona o a fine giornata. Chiesto l’allargamento delle zone d’ombra per evitare assembramenti. 

 

LA MONTAGNA
In seggiovia come prima ma in funivia posti al 50%

Tetto giornaliero di clienti (e relativi biglietti) per gli impianti di risalita. Code distanziate, cartellonistica in più lingue agevolando prenotazioni online e a metodi di pagamento elettronici. Posti al 100% per le seggiovie aperte, al 50% per cabinovie e nelle funivie (con finestrini aperti). In caso di emergenza consentito trasporto con capienza piena. Nel trasporto (e nell’attesa) vietato consumare bevande e alimenti.

 

IL CINEMA
Un metro di distanza ai lati e frontalmente

Al cinema i posti a sedere dovranno prevedere un distanziamento tra uno spettatore e l’altro, sia frontalmente che lateralmente, di almeno 1 metro (2 metri, in caso di scenario a rischio) con la mascherina. È obbligatorio mantenere aperte, a meno che le condizioni meteo non lo consentano, porte, finestre per favorire il ricambio d’aria. Guardaroba con i sacchetti portaabiti. Non si può assistere allo spettacolo in piedi.

 

LA LIRICA E LE ORCHESTRE
Si entra e si esce dal palco sempre con la mascherina

 

Per lirica e orchestre entrata e uscita dal palco con la mascherina (si può togliere durante l’esecuzione). A meno di barriere, direttori a due metri dalla prima fila; 1,5 metri per gli strumenti a fiato. Per gli ottoni ogni posto una vaschetta per la raccolta della condensa con disinfettante. Per i cori, a meno di barriere: 1 metro lateralmente e 2 tra le file. Niente camerini promiscui bisognerà arrivare già in abito di scena.

 

LE PISCINE
Vestiti riposti nelle borse in spogliatoio a due metri

Nelle piscine spazi e attività nelle aree spogliatoi e docce devono assicurare le distanze di almeno 2 metri (ad esempio prevedere postazioni d’uso alternate) o separare le postazioni con apposite barriere. Indumenti e oggetti personali devono essere riposti dentro la borsa personale, meglio se lasciate negli armadietti. Per i solarium vale la regola un ombrellone ognni 10 metri quadrati. Doccia prima di entrare in acqua.

 

LE SALE SCOMMESSE E SLOT
Più spazio per distanziare tutte le apparecchiature

Per bingo, sale scommesse e slot gli spazi vanno riorganizzati tra apparecchiature (giochi, terminali ed apparecchi tavoli del bingo, ecc.) per garantire l’accesso in modo ordinato e distanza di almeno 1 metro tra gli utenti. Il gestore è tenuto a calcolare e a gestire le entrate dei clienti in tutte le aree. La postazione dedicata alla cassa può essere dotata di barriere fisiche. In ogni caso, favorire modalità di pagamento elettroniche.

 

IL BENESSERE
Il fitness torna indoor senza fare la doccia

Le palestre riapriranno al chiuso da lunedì 24 maggio, in anticipo sul cronoprogramma già stilato. Si potranno utilizzare gli spogliatoi ma sarà ancora vietato fare la doccia. Dal primo luglio riapriranno le piscine al chiuso e i centri benessere e termali. Gli impianti da sci riapriranno il 22 maggio, sabato prossimo: una beffa per una regione come le Marche che non ha piste ad altissima quota.


 

I CIRCOLI RICREATIVI 
Disinfettare i tavoli da gioco e sostituire spesso le carte

Nei circoli privilegiare attività a piccoli gruppi e se c’è condivisione di oggetti (es. giochi da tavolo, biliardo, bocce), adottare modalità organizzative tali da ridurre il numero di persone che manipolano gli stessi oggetti. In ogni caso, i piani di lavoro, i tavoli da gioco vanno disinfettati prima e dopo utilizzo. Nel caso di utilizzo di carte da gioco consigliata la frequente sostituzione dei mazzi di carte usati con nuovi mazzi. 

 

I SERVIZI ALLA PERSONA
Trattamenti ravvicinati solo con visiera e Ffp2

Estetiste, parrucchieri, barbieri e tatuatori devono riorganizzare gli spazi, garantendo 1 metro di distanza tra ogni postazione, possibilmente con barriere interposte. Riviste consultabili solo previa igienizzazione delle mani. Per servizi estetici ravvicinati e tatuatori obbligatoria anche la visiera e mascherina Ffp2. Nei centri massaggi e abbronzatura, distanza di 2 metri negli spogliatoi e vestiti riposti nelle borse.

 

Ultimo aggiornamento: 14:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA