A scuola il Covid retrocede, in frenata Dad e quarantene. Sono in didattica a distanza cento classi in meno rispetto a una settimana fa

Uno screening per individuare il Coronavirus nelle Marche
Uno screening per individuare il Coronavirus nelle Marche
di Maria Teresa Bianciardi
3 Minuti di Lettura
Giovedì 17 Febbraio 2022, 05:15

ANCONA - Si comincia a vedere la luce anche nelle scuole. Dopo un inverno terribile che ha segnato un aumento considerevole dei contagi all’interno delle classi colpendo soprattutto i bambini delle primarie - ultimi a partire con le vaccinazioni - , anche i dati forniti dall’Ufficio regionale scolastico registrano un calo di quarantene e Dad negli istituti marchigiani.

Da una settimana all’altra sono state segnalate cento classi in meno in didattica a distanza e quasi altrettanto in quarantena: i dati si fermano alla giornata di martedì con 483 classi in Dad su 10.432 totali nelle Marche, mentre al 10 febbraio erano 587. Dunque attualmente il 4,67% delle classi della regione non segue le lezioni in presenza. 


Il dossier
La percentuale più alta si registra ad Ascoli dove quasi l’8% delle classi sono a casa in Dad, seguita dalla provincia di Macerata (6,65%), dall’Anconetano (4,51%). In quarantena, causa studenti risultati positivi al Covid, sono attualmente 208 classi pari all’1,99% e sempre la provincia di Ascoli guida la classifica con il 6,26%, seguita dal Maceratese con il 2,2% e dalla provincia di Ancona con l’1,55%.

La settimana precedente le classi in quarantena erano 292. Una marcia indietro costante, che ha fatto tirare un sospiro di sollievo alle famiglie ma che coincide anche con il cambiamento delle regole che determinano Dad e quarantene, ma anche con l’autogestione dei tamponi da parte delle famiglie e a carico del sistema sanitario nazionale. 


L’andamento
La situazione nelle scuole riflette anche l’andamento dei contagi nelle Marche dove si sta registrando una diminuzione nelle infezioni rilevata con i test antigenici e molecolari. Nelle ultime 24 ore sono stati segnalati 2024 nuovi positivi: un dato che ha fatto scendere ulteriormente l’incidenza di casi per ogni 100mila abitanti, passata a 1.089,65. La provincia con più infetti in un giorno è quella di Ancona (676), seguita da Macerata (514), Pesaro Urbino (354), Ascoli Piceno (309) e Fermo (254). Tra le fasce d’età è ancora quella tra i 25 e i 44 anni più colpita con 618 casi di positività; a seguire persone di età 45-59 anni (452) e 6-10 anni (213). 


Negli ospedali
Sul fronte ospedaliero sono 31 le persone dimesse con una saturazione delle terapie intensive che scende al 13,28% (256 i posti letto), mentre per l’Area Medica si attesta al 30,67% (315 degenti su 1.027 posti). In un giorno però si sono registrati dieci decessi correlati alla pandemia (cinque donne e cinque uomini tra i 73 e i 102 anni, tutti con patologie pregresse) che portano il totale regionale di vittime a 3.531. Gli ospiti di strutture territoriali sono a quota 211 e 36 in osservazione nei pronto soccorso (tecnicamente non ricoverati). Il totale dei positivi (ricoverati e isolati) sale di poco (24.558; +48) mentre le quarantene scendono a 29.888 (-749). I guariti e dimessi raggiungono quota 281.004 nelle Marche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA